Pensione anticipata: si può lasciare il lavoro prima dei 60 anni per invalidità?


pensione anticipata

Si può andare in pensione anticipata prima dei 60 anni per invalidità? Questo è uno dei quesiti che le persone prossime al pensionamento si pongono in questo momento. In effetti la materia pensionistica è molto articolata e non è facile destreggiarsi tra le varie norme. Oggi dunque cerchiamo di fare un po’ di chiarezza riguardo la pensione anticipata corrisposta (oppure no) in caso di invalidità. Ecco tutte le novità.

INVALIDITA’: SI PUO’ ANDARE IN PENSIONE ANTICIPATA PRIMA DEI 60 ANNI?

Ultimamente si sente parlare di quota 100 e opzione donna, che sono le caratteristiche principali della nuova riforma del sistema pensionistico. All’interno della manovra di bilancio, il governo M5S-Lega ha dato ampio spazio alla tematica, uno dei cavalli di battaglia. Disfarsi della Legge Fornero era infatti l’obiettivo primario. Ma cosa succederà al sistema pensionistico? Chi e come potrà ottenere la pensione anticipata?


Oggi ci occupiamo soprattutto dei lavoratori con invalidità. Queste persone devono seguire le stesse norme degli altri oppure possono usufruire di ulteriori misure per l’uscita anticipata dal mondo del lavoro, anche prima dei 60 anni? Scopriamo i casi in cui si può andare in pensione anticipata a causa di un’invalidità.

Le persone con una certa percentuale di invalidità possono andare in pensione anticipata in virtù del fatto che la loro condizione non è compatibile con l’attività lavorativa. Chi ha dunque un’invalidità pari o superiore all’80% può uscire anticipatamente dal lavoro se sono stati versati almeno 20 anni di contributi. L’età minima pensionabile, nel caso di invalidi accertati all’80%, è di 60 anni e 7 mesi per gli uomini e di 55 anni e 7 mesi per le donne. Inoltre, una volta maturati i requisiti per l’uscita anticipata, devono passare altri 12 mesi prima dell’effettivo pensionamento.

Coloro che presentano invece un’invalidità al 100% sono considerati inabili al lavoro. Per loro è prevista la pensione anticipata se sono stati versati 5 anni di contributi di cui 3 devono essere stati versati nell’arco dell’ultimo quinquennio. Cosa succede a chi non rispetta tali requisiti? I lavoratori invalidi possono accedere alla pensione di inabilità nel caso in cui il loro reddito risultasse inferiore alla soglia di reddito di 16.500 euro.

I lavoratori con un’invalidità pari o superiore al 74%, invece, possono andare in pensione anticipata con 41 anni di contributi. Parliamo dunque di lavoratori precoci che possono accedervi fino alla fine del 2018. Chi ha questa percentuale di invalidità ha però diritto anche ad altri tipi di agevolazioni. Spetta loro infatti l’assegno di invalidità purché siano stati versati 5 anni di contributi di cui 3 devono essere stati versati negli ultimi


Leggi altri articoli di Economia

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

    © Ultime Notizie Flash

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close