Pensioni anticipate ultime news dopo Quota 100: il punto

Pensioni anticipate ultime news dopo Quota 100

Quali sono le ultime news in tema di pensioni anticipate dopo l’addio a Quota 100? In queste settimane sono davvero tante le proposte che le forze politiche stanno mettendo in campo. Tutte da valutare bene, ovviamente, per individuare bene le opzioni che potrebbero essere più concretizzabili. Siamo giunti ormai alla fine del mese di marzo 2021, quali sono quindi le ultime indicazioni sulla riforma pensioni?

I sindacati stanno premendo ritenendo necessaria, adesso più che mai, una riforma delle pensioni che possa in qualche modo tutelare molti dei lavoratori che erano prossimi ad uscire dal mondo del lavoro con qualche anno di anticipo e che invece adesso si ritrovano nel cosiddetto limbo. Qualcosa insomma occorre fare anche perché Quota 100 sarà ufficialmente abbandonata con il finire di questo anno. E allora, nel 2022, quali opzioni potrebbero essere utilizzate per andare in pensione anticipata? Ecco alcune delle proposte delle ultime settimane e che dovranno essere ben ponderate per capire se davvero potranno essere l’alternativa “naturale” a Quota 100.

Pensioni anticipate ultime news: Quota 92

Ad oggi, la proposta avanzata da Delrio pare essere qiella più gettonata. Quota 92 come naturale prosecuzione di Quota 100. Ma in che cosa consisterebbe nello specifico? Quota 92 sarebbe intanto riservata a quelle categorie di lavoratori alle prese con professioni usuranti, nel tentativo di salvaguardarli. Si potrebbe andare in pensione con un minimo di 30 anni di contributi e 62 anni di età (30+62 farebbe proprio 92 come il nome di questa opzione). Ma con Quota 92 ci sarebbe una penalizzazione notevole sugli assegni pensionistici: un taglio di almeno il 3% con conseguente perdita di denaro da parte dei lavoratori.

Pensioni anticipate, sbuca Quota 102

Quota 102 è un’altra delle alternative che il Governo dovrà analizzare in vista dell’addio a Quota 100. Prevederebbe la possibilità di andare in pensione con 64 anni di età, mantenendo i 38 di contributi previsti dalla Quota 100. Si presenta come una soluzione che potrebbe davvero essere adottata dal Governo in vista del 2022. Ma ci vorrà ancora tempo per sapere se potrà diventare ufficiale oppure no.

Riforma Pensioni: statali in pensione a 62 anni

I lavoratori statali potrebbero andare in pensione a 62 anni avendo maturato almeno 30 anni di lavoro. E’ questa la proposta del Ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, che auspica uno b di questo reparto a favore dell’ingresso nel mondo dei lavoratori da parte dei giovani. Prima però occorre mandare in pensione i “vecchi” lavoratori. Come? Con uno scivolo appunto che consenta loro di smettere di lavorare con qualche anno di anticipo. Ipotesi fattibile? Stando alle prime indiscrezioni, poco. Perché dare la possibilità agli statali di andare in pensione a 62 anni avendo maturato almeno 30 anni di lavoro sarebbe costosissimo per le casse dello Stato dato che dolo tra il personale scolastico e sanitario, sarebbero 300mila i lavoratori coinvolti.

One response to “Pensioni anticipate ultime news dopo Quota 100: il punto

  1. quella della quota 102 con 64 anni di età è veramente……… non ne parliamo (allucinante); così se uno raggiunge la quota a 62 anni gli fregano 2 anni; quell’altra sarebbe buona ma costosissima ed è improponibile (62+30); io so solo che ho già raggiunto quota 100 ma essendo del 1960 mi fregano; quanti anni mi devono fregare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.