Prima pagina Gazzetta dello sport, Milan batte Juventus nel trofeo Berlusconi

La prima pagina de La Gazzetta dello sport di oggi, 21 agosto 2011, è dedicata alla vittoria del Milan di ieri nel trofeo Berlusconi. Con il risultato di 2 a 1 la squadra di Allegri si impone sulla Juve. Una partita che per lunghi tratti, soprattutto nel primo tempo, ha visto dominare i rossoneri. I primi 45 minuti sembrava che il divario tra le due squadre fosse incolmabile con un Milan che ha regalato due perle di gran classe e si è portato sul 2 a 0 nei primi minuti. Sicuramente “più Milan che Juve” come leggiamo sulla prima pagina. Entrambe le squadre però hanno dimostrato di essere in forma in vista della prima di campionato. Ma vediamo questa prima pagina.

prima pagina gazzette dello sport 21 agosto
Gazzetta dello sport 21 agosto

 

Prima pagina Gazzetta dello sport, oggi 21 agosto 2011

Il Trofeo Berlusconi va al Milan: bisogna capire ora se si tratti di un bene o di un male. Se si è superstiziosi allora un pò forse ci si fa un pensierino. Si dice che chi vince questo trofeo poi non vince il campionato…Ma alla faccia di tutte questa dicerie ieri il Milan ha dimostrato, con una squadra in emergenza, di essere ancora la squadra da battere. Soprattutto nel primo tempo il dominio della squadra di Allegri è stato assoluto. Nei secondi 45 minuti la Juve è salita in cattedra e ha provato anche a mettere in difficoltà il Milan andando sil 2 a 1 e cercando di agguantare il pareggio. Ma anche i rossoneri sono andati più volte vicini al goal colpendo anche un palo. Bene Cassano nel Milan che si fa trovare sicuramente pronto e benissimo Boateng, che purtroppo deve poi uscire, e Seedorf che regalano agli spettatori presenti a San Siro due perle indimenticabili.

Ora le sfide del calcio d’estate sono finite, da sabato si inizia a fare sul serio. In palio non ci sono più trofei ma il primo posto in campionato.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.