Stefano Tacconi ultime notizie, segnali incoraggianti: come sta, parla suo figlio

come sta stefano tacconi

Tutta Italia fa il tifo per Stefano Tacconi, per l’ex portiere della Juventus ancora amatissimo dai tifosi bianconeri ma non solo. Questa mattina dall’ospedale di Alessandria dove è stato ricoverato in seguito a un malore, arrivano notizie che possono definirsi in qualche modo incoraggianti. “Papà muove un po’ gli occhi e gli arti” sono queste le parole che il figlio di Stefano Tacconi, ha voluto condividere con l’Italia intera che aspetta di avere notizie su Tacconi. 64 anni, l’ex portiere della Juventus è ricoverato da sabato scorso presso l’ospedale di Alessandria dopo un’emorragia cerebrale. Andrea Tacconi, ai microfoni della Rai, ha fatto il punto della situazione, con gli ultimi aggiornamenti sul bollettino medico di suo padre.

Stefano Tacconi come sta, parla suo figlio: le ultime notizie

Le parole del figlio di Tacconi: In questo momento è stabile, ma in coma farmacologico. Ha fatto una TAC lunedì pomeriggio e non ci sono particolari problemi. L’emorragia di sabato è stata fermata, ora dobbiamo attendere la ripresa.

Medici e famiglia sembrano comunque essere fiduciosi su quello che succederà nei prossimi giorni. Tacconi junior ha aggiunto: “Ci sono i primi segnali che sono incoraggianti, papà muove un po’ gli occhi e gli arti, ma serve tempo”.

Dai social Andrea ha anche spiegato che i miglioramenti ci sono ma che bisogna essere cauti. I medici infatti hanno spiegato alla famiglia che questi sono i giorni più delicati. Si prega e si attende quindi, ma soprattutto si spera che il peggio passi e che le condizioni di salute di Stefano Tacconi possano migliorare nelle prossime ore. Andrea via social ha anche ringraziato per tutto l’affetto che sta arrivando al suo papà, decine anche negli stati gli striscioni nell’ultima giornata di Serie A giocata in questo week end, dopo la notizia del malore dell’ex portiere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.