La scomparsa di Samira a Stanghella: Mohammed indagato e la suocera fa pesanti accuse contro l’uomo

Dalla puntata di Storie Italiane in onda il 18 dicembre 2019 arrivano delle clamorose novità per quello che riguarda la storia di Samira El Attar, la donna marocchina scomparsa il 21 ottobre da Stanghella. A quasi due mesi dal giorno in cui di Samira si sono perse le tracce, pare che le forze dell’ordine abbiano preso una decisione: iscrivere Mohammed nel registro degli indagati. Il marito di Samira sarebbe quindi indagato con le accuse di omicidio e occultamento di cadavere. A riferire le ultime notizie è l’inviata del programma di Rai 1, Barbara di Palma, in attesa dell’arrivo dell’avvocato dell’uomo che dovrebbe confermare le novità.

Nel frattempo la madre di Samira decide di parlare e per la prima volta racconta degli episodi inediti della vita di sua figlia e del marito, lanciando pesanti accuse contro l’uomo.

LA MAMMA DI SAMIRA CONTRO MOHAMMED: LE ACCUSE DA STORIE ITALIANE

Questa volta la madre di Samira si sbilancia e spiega che sua figlia gli aveva parlato di alcuni episodi davvero molto preoccupanti, non solo, anche lei aveva assistito a delle scenate di gelosia, una volta in particolare Mohammed aveva rotto il cellulare per rabbia. Ma non solo. La mamma di Samira racconta di un altro episodio molto forte che se fosse vero, potrebbe certamente spiegare quale fosse il movente di un possibile omicidio. Pare che una notte Mohammed avesse messo delle gocce in un bicchiere, forse nel tè che Samira doveva bere. Lo aveva fatto perchè voleva che dormisse per poter leggere sul cellulare i messaggi e le sue conversazioni. Ma fu la bambina a bere il contenuto di quel bicchiere e questo scioccò profondamente Samira che, a detta di sua madre, scappò in strada preoccupatissima per poi chiedere aiuto a lei.

Episodi molto forti che descrivono un rapporto malato. La madre di Samira tra l’altro conferma anche la volontà di sua figlia di lasciare Mohammed. E’ questo il motivo di un possibile omicidio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.