Piera Maggio e Pietro Pulizzi: i genitori di Denise Pipitone pronti per il DNA

Non è sicuramente facile gestire situazioni simili, per le famiglie delle persone scomparse, ogni piccola segnalazione riaccende la speranza. Ed è per questo che non si tratta, a nostro avviso, di speculazioni su una notizia. Tutto deve essere verificato. Piera Maggio e Pietro Pulizzi, i genitori di Denise Pipitone, nelle ultime ore sono stati travolti dalla notizia che arriva dalla Russia dove una ragazza, che somiglia tantissimo alla loro bambina ( e anche a mamma Piera) è in cerca dei suoi veri genitori, dopo aver scoperto di esser stata rapita quando era molto molto piccola. Alesja non ricorda molto di quanto era con la sua vera mamma, tanto che ha sempre creduto che la sua matrigna, una zingara, fosse la vera madre. Ma da quando ha saputo che i suoi veri genitori sono altri, la ragazza ha iniziato a cercare, fino ad arrivare in tv.

Piera Maggio e Pietro Pulizzi si sono detti pronti a percorrere anche questa strada. Lo ha fatto sapere il legale di Piera Maggio, che ha spiegato quello che succederà nei prossimi giorni. La mamma di Denise ha infatti chiesto di poter andare in Russia per confrontare il suo dna con quello della ragazza che cerca i suoi veri genitori e che somiglia molto a Denise. I tempi sono lunghi, anche per via del covid 19 e di tutte le restrizioni del caso ed è anche per questo che Piera e il padre di Denise restano con i piedi per terra, come hanno scritto anche sui social.

Qui la storia della ragazza russa che somiglia a Denise Pipitone

Il commento di Piera Maggio e Pietro Pulizzi dopo la segnalazione dalla Russia

Pietro e Piera hanno quindi affidato ai social un loro breve pensiero ( non sappiamo se poi nella puntata di Chi l’ha visto in onda questa sera mamma Piera interverrà per spiegare meglio che cosa pensa di tutta questa vicenda).

In merito alle ultime notizie, rimaniamo con i piedi bel saldati a terra. Chiediamo ulteriori verifiche attraverso il DNA. Ringraziamo tutti per la vicinanza” hanno scritto i genitori di Denise.

Non ci resta quini che aspettare i nuovi sviluppi di questa vicenda. I tempi appunto, non saranno brevi. Ma per una mamma che da 15 anni cerca la sua bambina, tutto può essere fondamentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.