Elezioni Politiche 2018: big trombati e poi ripescati


politici ripescati

Sono giorni concitati quelli successivi alle elezioni 2018 anche perchè bisogna capire chi ha ancora un posto in Parlamento e chi ha perso la poltrona. Nel corso della giornata del lunedì si era parlato dei politici trombati ex ministri che avrebbero dovuto avere vittoria facile nel corso dei queste elezioni ma che invece non sono stati votati, e spesso anche a casa loro. Queste vicende però si sa, vanno per le lunghe e in effetti di oggi sono le notizie che riguardano i Big prima trombati e poi ripescati! Il computo del proporzionale infatti, offre a svariati Big di tornare a occupare il loro posto in parlamento. 

ELEZIONI 2018: BIG TROMBATI E POI RIPESCATI, ECCO CHI TORNA IN PARLAMENTO

Tra i ripescati illustri c’è anche Laura Boldrini, che avrà la la possibilità di tornare in Parlamento. La Boldrini è stata eletta. Il conteggio dei seggi della Camera assegnati con il metodo proporzionale ha permesso di assegnare 607 seggi sui 630 disponibili. Per cui si sono liberati diversi posti e alcuni dei bit prima trombati e adesso “ripescati” avranno modo di tornare a fare il loro amato lavoro.

Tra i “ripescati” figurano anche il presidente dem Matteo Orfini, il ministro Maurizio Martina il leader di Mdp Pier Luigi Bersani, anche loro sconfitti nelle sfide dei collegi uninominali. Secondo quanto si legge oggi su Repubblica, tra i ripescati ci sarebbero anche il ministro Minniti e Franceschini. Proprio dell’ex ministro aveva parlato Matteo Renzi nel discorso fatto ieri, facendo notare come una persona che ha lavorato bene, per stessa ammissione di tutti gli altri partiti, ha dovuto subire una legge elettorale ingiusta che ha visto la vittoria del candidato del Movimento 5 stelle, a Pesaro, che per definizione stessa dei suoi colleghi, era impresentabile.

Il giorno dopo Matteo Renzi può stare tranquillo: anche Minniti avrà un posto in Parlamento. Per i big prima trombati e poi ripescati, oggi i giornali che si occupano della vicenda, parlano di un paracadute che sta funzionando alla grande. Anche se è chiaro, non tutti hanno avuto la stessa “sorte”. 

ELEZIONI POLITICHE 2018 RIPARTIZIONE SEGGI 

Quanti seggi ha il Movimento 5 Stelle? E quanti il Centrodestra con la Lega di Salvini e il centrosinistra? La quota più consistente dei seggi, alla luce dei risultati delle elezioni politiche 2018 regione per regione, va ovviamente al Movimento 5 Stelle, primo partito grazie al 32,66% delle preferenze che valgono 133 deputati. Sommandoli agli 88 conquistati con il meccanismo uninominale, la pattuglia grillina a Montecitorio raggiunge quota 221. A seguire, c’è la squadra del Pd, che in base al 18,7% dei voti raccoglie 86 seggi del proporzionale. 

Nella coalizione di centrosinistra anche due seggi per Svp, nessuno invece dalla ripartizione proporzionale per +Europa, Civica popolare e Insieme. Il conteggio totale del centrosinistra, che ha portato a casa anche 24 collegi uninominali, si ferma a quota 112 deputati. Nel centrodestra il 17,37% della Lega vale 73 posti, alcuni dei quali anche al Sud: uno in Calabria, uno in Basilicata, due ciascuno in Campania, Puglia e Sicilia.  Forza italia, con il 14,01 si aggiudica 59 seggi, mentre 19 vanno a Fdi (4,35%). Sommandoli ai 109 seggi conquistati nell’uninominale, il centrodestra conta 260 deputati. Gli altri 14 seggi vanno invece a Leu.

Leggi altri articoli di Politica

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

    © Ultime Notizie Flash

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

 

Close