Processo Sarah Scazzi, Ivano Russo: le prime parole

Non potevamo fare a meno di aggiornare i nostri lettori con quelle che sono state le prime parole di Ivano Russo nel processo sull’omicidio di Sarah Scazzi. Mentre nel tribunale di Taranto si sta tenendo la nuova udienza arrivano le prime indiscrezioni. Sul sito dell’Ansa sono riportate alcune dichiarazioni che “il bell’Ivano”, come lo chiama ironicamente La gazzetta del Mezzogiorno, avrebbe rilasciato in questi primi minuti in aula. Tocca a lui spiegare perchè Sabrina potrebbe essere arrivata addirittura a uccidere per un amore, o meglio un’ossessione che provava proprio nei suoi confronti. Che genere di rapporto esisteva tra lui e Sabrina? Ma soprattutto che genere di rapporto c’era tra lui e Sarah? Ecco le prime parole di Ivano Russo.

Processo Sarah Scazzi: oggi 31 gennaio 2012 parla Ivano

Su di lui tanto si è scritto e tanto si è detto anche perchè a oggi sembra esser stato l’amore che Sabrina provava nei suoi confronti ad aver scatenato la follia omicida. Concetta Serrano è l’unica a sostenere che non è solo questo il motivo che avrebbe spinto Sabrina a uccidere Sarah, ricordandoci sempre che nessuno però ancora è stato condannato.

Oggi finalmente è il suo turno. E’ Ivano che deve dirci quale era il rapporto che aveva costruito con la piccola Sarah e con Sabrina. Più di 4000 messaggi ha scambiato con la Misseri, un motivo ci sarà stato…

Sul sito dell’Ansa leggiamo: “Con Sarah avevo un buon rapporto. La mia impressione e’ che sentisse la lontananza di padre e fratello, che erano lontano per lavoro, e mi vedesse forse come figura paterna. Spesso voleva essere abbracciata, e la abbracciavo. Una delle ultime volte che mi abbraccio’ mi disse ‘Ti voglio bene’ e io le dissi ‘Anch’io ti voglio bene”’.

Continua: “Ho conosciuto Sabrina e Sarah nel dicembre 2009. Con Sabrina inizialmente ho instaurato un rapporto di amicizia. Con Sarah ci voleva particolare attenzione perche’ la nostra comitiva era di adulti”.
 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.