Galliate, carro funebre fuori controllo travolge e uccide una ragazza. Muore anche il conducente

A leggere il titolo di questa notizia si penserebbe a una ennesima bufala che circola sui social ma purtroppo i fatti sono veri e vanno raccontati con il massimo rispetto. Questa mattina un carro funebre e Galliate ( in provincia di Novara), intorno alle 10, è uscito di strada. L’autista della vettura, con a bordo una salma, avrebbe perso il controllo del mezzo che all’improvviso avrebbe accelerato travolgendo una ragazza che stava facendo jogging per strada. La ragazza è stata presa in pieno dalla macchina che andava anche a una velocità notevole e a nulla sono valsi i soccorsi prestati nei minuti successivi alla donna che è deceduta. Non è ancora chiaro quello che è successo ma pare che l’autista del carro funebre abbia avuto un malore perdendo quindi il controllo della sua vettura che, dopo aver travolto la ragazza, ha continuato la corsa, andando a finire nel giardino di una casa sbattendo contro un albero, il solo motivo per il quale la corsa della macchina è stata interrotta. 

ESCE DI STRADA CON IL CARRO FUNEBRE: IL CONDUCENTE INVESTE E UCCIDE UNA DONNA, POCO DOPO MUORE 

A raccontare parte della dinamica dei fatti i familiari della persona morta per la quale era stato celebrato il funerale. La salma di questa persona era a bordo del carro funebre che ha iniziato il percorso con il classico corteo seguito dalle altre macchine. Poi all’improvviso una accelerazione inaspettata. L’incidente che è purtroppo costato la vita a una ragazza di cui ancora non si conosce l’identità. La donna infatti non aveva documenti per cui al momento si sta cercando di capire chi possa essere.

Purtroppo però questa vicenda ha avuto un epilogo ancora più drammatico perchè a perdere la vita è stato anche l’autista del carro funebre. Al momento non si sa se l’uomo è morto a causa del malore che lo ha fatto uscire di strada con la vettura o in seguito allo scontro con l’albero contro il quale è andato a sbattere. Nelle prossime ore ci saranno maggiori dettagli su questa vicenda che ha dell’assurdo ma che purtroppo è realmente accaduta. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.