La storia di Amalia Voican morta a Roma: lasciata su un materasso tra animali e crudeltà umana


Sa qualche settimana le amiche di Amalia Voican la cercano: hanno deciso di rivolgersi a Chi l’ha visto con la speranza che quella dolce amica che non dava più sue notizie, fosse stata vista da qualche spettatore. Speravano che Amalia vagasse in giro per qualche città e probabilmente non sbagliavano visto che Amalia era a Roma. Purtroppo però Amalia era anche morta, non sappiamo ancora bene di cosa, quando, e come ma sappiamo che la sua fine è quella di una ragazza abbandonata da tutti. Una fine indegna che non merita nessun essere umano e forse Amalia neppure sapeva che le sue amiche la stavano cercando. Forse era tardi per lei. Il corpo di Amalia è stato ritrovato dopo la segnalazione di alcuni meccanici che sentivano cattivi odori, in un appartamento dismesso a Roma. Non siamo in periferia, badate bene, siamo a pochi passi da San Giovanni, luogo conosciuto da tutti per il concertone del primo maggio. Eppure ancora una volta la capitale “regala” una pagina di degrado. In questo appartamento, che a terra ha persino il parquet, dormono dei ragazzi che a quanto pare vengono informati da qualcuno, alla stazione Termini, che in quel posto ci sia una specie di ostello. Invece ci sono solo dei materassi, un bagno, e tanto degrado. E c’era anche il corpo di Amalia, sotto una coperta, in mezzo alle larve e agli animali che entravano e uscivano per soddisfare i loro bisogni. Chi abita vicino racconta: “Non aveva neanche più la faccia” parole che arrivano dritte allo stomaco e lasciano sgomenti.

LA MORTE DI AMALIA VOICAN: ENNESIMA STORIA DI DEGRADO NELLA CAPITALE

Amalia era da sola in Italia e le sue amiche, Romina e Caterina, si erano rivolte alla trasmissione di Raitre dopo la sua sparizione misteriosa. La ragazza era andata via da Civita Castellana e l’ultimo suo avvistamento risaliva allo scorso 18 aprile alla stazione Termini di Roma. Poi della 21enne si erano perse le tracce, fino alle ultime notizie choc. Purtroppo Amalia non c’è più. Non sappiamo di cosa sia morta, quando e perchè ma sappiamo che ancora una volta, raccontiamo una storia di degrado, di abbandono. 


 Prima di partecipare di nuovo alla trasmissione Chi l’ha visto, una delle amiche di Amalia che anche via social aveva lanciato diversi appelli, ha informato tutti che la sua Nena non c’era più. Romina ha scritto questo post: “Mi dispiace davvero tanto dover essere io a comunicare a tutti questa tragica notizia.. Purtroppo Nena non è più tra noi… vi ringrazio dell’impegno che tutti avete messo per cercarla.. Non voglio e non posso aggiungere ulteriori dettagli.. Siamo tutti sconvolti da tutto ciò..ci mancherai principessa nostra sarai sempre nel cuore delle tue sorelle, mi dispiace non aver potuto fare di più.. Ma sono contenta che hai abbracciato forte Isabel perché sarai per sempre la sua zietta nena.. Ti amo piccola!”.

E adesso le indagini. Si cercherà di capire cosa sia successo ad Amalia. Da non sottovalutare anche le telefonate e i messaggi che le amiche della ragazza hanno ricevuto in queste settimane da parte di un uomo che prima diceva di sapere dove fosse la ragazza e che poi ha chiesto dei soldi per non ucciderla. 


Leggi altri articoli di Ultimissime

1 commento per “La storia di Amalia Voican morta a Roma: lasciata su un materasso tra animali e crudeltà umana”

  1. 14 Giugno 2018

    […] La storia di Amalia Voican morta a Roma: lasciata su un materasso tra animali e crudeltà uman…  Ultime Notizie Flash […]

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

    © Ultime Notizie Flash

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close