Palermo lite per il barbecue: spara e uccide vicino, poi scappa e si nasconde


Le ultime notizie da Palermo: un litigio per futili motivi finisce in tragedia. Stando alla ricostruzione fatta dalle forze dell’ordine, ieri sera, ci sarebbe stata una violenta litigata tra vicini che sarebbe degenerata. Tutto è iniziato con un barbecue e si è concluso con un finale inaspettato. Un uomo infatti ha sparato contro il suo vicino ferendolo a morte. Poi ha iniziato a scappare, cercando di nascondersi per non essere preso dalle forze dell’ordine. La sua fuga è stata interrotta: l’uomo si era nascosto in un magazzino ma è stato trovato e arrestato per omicidio.

Secondo quanto raccontano i vicini, tra le due persone coinvolte nel litigio, le discussioni andavano avanti da mesi. 

PALERMO: UCCIDE UN VICINO DI CASA PER COLPA DEL FUMO DEL BARBECUE, POI SCAPPA MA VIENE FERMATO

I fatti sono accaduto nella serata del 21 agosto 2018 in via Sferracavallo, nell’omonima borgata palermitana. Un uomo, Cosimo D’Aleo, 43 anni, è rimasto ucciso, con il suo assassino che è stato preso dagli agenti della mobile, dopo essere fuggito a bordo di un’auto. Sul posto gli agenti di polizia che sono stati allertati dai vicini, che hanno sentito gli spari e le urla. In via Sferracavallo anche gli uomini del 118 e i vigili del fuoco.L’assassino, secondo quanto riportano i media siciliani, sarebbe Pietro Billitteri che, avrebbe sparato uccidendo D’Aleo, per poi barricarsi al secondo piano di una casa in via Sferracavallo 108. Dopo sarebbe fuggito a bordo di una Fors.


I testimoni hanno raccontato che tutto sarebbe iniziato da una grigliata fatta in giardino dalla vittima. Il Billitteri, offeso per il fumo che arrivava nella sua abitazione avrebbe preteso che il suo vicino smettesse di fare quello che stava facendo. Sarebbe nata quindi la litigata finita poi con l’omicidio. La vittima sarebbe stata uccisa di fronte alla moglie ancora sotto choc. 


Leggi altri articoli di Ultimissime

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close