E’ morta Sissy Trovato: il suo sorriso spento per sempre ma è ancora giallo

Il sorriso di Sissy Trovato Mazza resterà per sempre nei cuori di tutte le persone che l’hanno conosciuta, che l’hanno incontrata, nei cuori dei suoi familiari e anche nei cuori di chi ha scoperto per caso, sulla stampa, questa storia. E’ la storia di una ragazza che aveva tanta voglia di vivere, che era felice del suo lavoro, che voleva amare. E’ la storia di una ragazza alla quale forse, qualcuno ha spento il sorriso, perchè nessuno crede alla storia del suicidio. Oggi un giorno triste per tutti: Sissy ha smesso di lottare, ha ceduto, se n’è andata via. Ma il giallo sulla sua morte resta. Da due anni e mezzo i suoi genitori lottano per avere risposte per capire che cosa è successo davvero la mattina in cui Sissy viene ritrovata in fin di vita nell’ascensore dell’ospedale di Venezia dove stava lavorando. Si ipotizza un suicidio ma nessuno riesce a credere che Sissy lo abbia fatto. Perchè poi uccidersi durante il servizio, in un ospedale, sapendo che poteva essere subito soccorsa? Troppi i misteri legati al ferimento di Sissy. Nell’ultimo periodo la ragazza aveva denunciato alcune cose sul lavoro, aveva parlato con suo padre di qualcosa che non le piaceva nell’ambiente del carcere. E poi il suo ferimento. I genitori di Sissy non hanno mai voluto credere che si sia sparata, che abbia cercato di uccidersi. Non ci credono neppure le amiche, le sue colleghe. Sissy amava la vita, voleva fare tanto. E invece per oltre due anni ha lottato negli ospedali per vincere la sua battaglia ma non ce l’ha fatta.

SISSY TROVATO MAZZA E’ MORTA: ADDIO ALLA RAGAZZA SORRIDENTE 

Sissy è venuta a mancare questa notte. Da qualche mese Sissy era stata riportata nella sua Calabria, a Taurianova, in provincia di Reggio Calabria. Le condizioni della ragazza, da due anni disperate, si sono aggravate nel corso delle ultime quarantotto ore, tanto che la giovane era stata ricoverata in rianimazione al vicino ospedale di Polistena, dove i medici hanno preso atto del decorso infausto dell’infezione e acconsentito a farla tornare a casa dove ha esalato il suo ultimo respiro. Purtroppo a quanto pare per Sissy non c’è stato nulla da fare.

Tantissimi i messaggi di affetto e amore sui social, dove erano stati creati molti gruppi per Sissy, per stare accanto alla sua famiglia e per chiedere giustizia e verità in merito a questa vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.