Esplosione Alessandria ultime notizie, atto voluto: trovati timer e bombole

Le ultime notizie dopo l'esplosione di Alessandria: si tratterebbe di un atto voluto, che cosa è successo davvero?

Chi avrebbe mai potuto volere la morte di vigili del fuoco e forze dell’ordine? E’ la domanda che si stanno facendo tutti gli italiani oggi dopo l’esplosione in provincia di Alessandria. Non si è trattato di un drammatico incidente, c’era un timer, c’erano delle bombole. Ma si voleva davvero uccidere? La volontà era davvero quella di arrivare a chi avrebbe dovuto provare a spegnere un primo fuoco?

ULTIME NOTIZIE ESPLOSIONE ALESSANDRIA: CHE COSA E’ SUCCESSO DAVVERO ?

Mentre si cerca di capire la dinamica dei fatti, si fa il drammatico bilancio di questa vicenda. Sono tre vigili del fuoco morti per l’esplosione di un edificio a Quargnento, in provincia di Alessandria. La deflagrazione sarebbe avvenuta verso le 2 di notte in una porzione disabitata di una cascina, a causa di una fuga di gas o per un incendio. Ferito anche un carabiniere. Si sta facendo però strada, come detto in precedenza, l’ipotesi di una pista dolosa. La presenza di bombole e di un timer nella zona dell’esplosione lascia pensare che qualcuno abbia architettato tutto.

Le tre vittime dell’esplosione sono i vigili del fuoco esperti Matteo Gastaldo e Marco Triches e il vigile del fuoco Antonino Candido. I feriti sono il caposquadra dei vigili del fuoco Giuliano Dodero, il vigile del fuoco Luca Trombetta e il carabiniere Roberto Borlengo.

AGGIORNAMENTO-L’ipotesi delle forze dell’ordine va verso una pista diversa da quella sovversiva. Per cui si esclude che nel mirino di chi avrebbe preparato questa esplosione ci fossero i vigili del fuoco. Si pensa invece che il fatto sia legato alla cessione della cascina. Forse non si voleva vendere quel terreno e quella struttura per cui erano state organizzate due esplosioni. Dopo la prima sarebbero arrivate le forze dell’ordine per spegnere il fuoco e per gestire la situazione e la seconda esplosione si sarebbe innescata mentre i vigili del fuoco erano a lavoro. Potrebbe però esser stata una cosa casuale, anche se con il timer, nel senso che non ci si aspettava che sul posto ci fossero già le forze dell’ordine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.