Coronavirus ultime notizie al 12 marzo: 15.113 contagi, 2651 più di ieri. 1016 deceduti

Ci hanno detto che dovremo aspettare almeno per dieci giorni prima di vedere risultati concreti, prima che la curva possa smettere di salire. Oggi però i numeri fanno ancora molto male. Nella conferenza stampa del 12 marzo 2020 il presidente della protezione civile Borrelli ha informato che ci sono oltre 2000 casi in più rispetto a ieri in Italia. Numeri pesanti, che a quanto pare ci si aspettava, visti quelli che sono stati , fino a qualche giorno fa, gli atteggiamenti degli italiani.

I numeri: 15.113 contagi, 2651 più di ieri , 1016 deceduti, 189 più di ieri

In Italia, dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus, 15.113 persone hanno contratto il virus Sars-CoV-2, 2.651 in più di ieri. Di queste, 1.016 sono decedute (189 più di ieri) e 1.258 sono guarite (+213). Attualmente i soggetti positivi sono 12.839 (il conto sale a 15.113 — come detto sopra — se nel computo ci sono anche i morti e i guariti).

I pazienti ricoverati con sintomi sono 6.650; 1.153 sono in terapia intensiva, mentre 5.036 sono in isolamento domiciliare fiduciario.

L’importanza della donazione del sangue, faccio un appello” ha detto Borrelli ricordando che continua a essere fondamentale. Per garantire la massima sicurezza bisogna mettersi in contatto con i centri trasfusionali per prendere un appuntamento, tutto deve essere fatto in sicurezza.

In conferenza stampa viene chiesto cosa si può fare per i senzatetto, a Roma sono oltre 8000. “Il tema lo abbiamo già trattato da tempo e lo abbiamo ribadito e voglio ringraziare la regione Lazio e chi se ne sta occupando, ho chiesto alla regione Lazio, ai comuni di organizzare per trovare delle strutture che possano fornire una adeguata assistenza a chi non ha un tetto. Lancio quindi un appello a tutte le amministrazioni per creare delle strutture per i senza tetto” ha risposto Borrelli.

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: ECCO I DATI DEL 12 MARZO 2020

Ecco i dati regione per regione

Al momento la Lombardia resta ancora la regione maggiormente colpita con quasi 9000 casi. Segue l’Emilia Romagna con 1947 casi; poi il Veneto con 1384 casi

La situazione attuale in Lombardia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.