Coronavirus ultime notizie 16 marzo: 23.073 i malati di coronavirus, 2158 vittime

Conferenza stampa come di consueto anche oggi da Roma con il capo della protezione civile Angelo Borrelli che legge il bollettino con quelli che sono i dati delle ultime ore. Crescono chiaramente i casi, come detto da oltre una settimana a questa parte, per vedere una curva che cambierà, bisognerà aspettare almeno una decina di giorni, non di meno. Purtroppo oggi, con i dati aggiornati su quella che è l’emergenza del nuovo coronavirus in Italia, sono state superate le 2000 vittime.

Sono complessivamente 23.073 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a domenica di 2.470, ieri l’aumento era stato di 2.853. Il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – ha raggiunto i 27.980.

414 guariti, più di ieri, e 2470 nuovi positivi, meno di ieri, anche se mancano dati Puglia e provincia autonoma di Trento. Ma come vedete anche dai dati della Lombardia il trend è in ribasso, registriamo questo dato”.  Lo ha detto il commissario Angelo Borrelli in conferenza stampa alla Protezione civile.

Superate le 2mila vittime del coronavirus in Italia, che sono complessivamente 2.158 le vittime, con un incremento rispetto a domenica di 349. Il dato è stato reso noto dalla Protezione Civile. Ieri l’aumento quotidiano era invece di 368.

Borrelli spiega che la situazione mascherine non è semplice perchè al momento molti paesi dove sono state prodotte, tendono a tenerle nei proprio confini, non permettendo il trasporto in Italia. Si spera però che a breve si possa iniziare, senza lungaggini burocratiche, delle mascherine nel territorio italiano anche grazie alle misure varate nell’ultimo decreto del Governo.

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE 16 MARZO: I DATI REGIONE PER REGIONE

Ricordiamo che nei dati di oggi, manca la regione Puglia che non ha fornito il dato. Ecco la tabella con i numeri: come vedete la regione Lombardia ha raggiunto quasi quota 15mila casi positivi, i guariti sono oltre 2000. Continua il trend in crescita per la regione Emilia Romagna con oltre 3500 casi. Il Veneto che, come potrete vedere fa fatto oltre 35mila tamponi, resta al terzo posto con quasi 2500 casi. Zaia ha confermato che, nonostante le indicazioni non siano queste, in regione farà fare tamponi su tutta la popolazione.

Cresce molto il dato delle Marche che è una delle regioni più piccole con maggiori problematiche. La terapia intensiva è satura ormai quasi al 90% ( dati forniti dalla protezione civile).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.