Da lunedì 15 marzo 2021 10 regioni in zona rossa insieme a Trento: la situazione

Il governo promette di arrivare a quota 500mila vaccini ogni giorno ( oggi ne sono stati fatti, finalmente oltre 200mila). Per farlo servono restrizioni e le nuove misure di contenimento aiuteranno, anche visto l’aumento dei casi, con numeri che tornano a fare paura, un anno, dopo, si fanno sempre più severe. Da lunedì 15 marzo 2021 si cambia ancora e l’Italia torna a tingersi di rosso. Passano in area rossa le Regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Veneto e la Provincia autonoma di Trento. Le nuove regioni si unisco alla Campania, alla Basilicata ( per la quale però al momento sarebbero in corso delle modifiche) e al Molise che sono già rosse da una settimana.

I governatori di alcune regioni hanno commentato già la notizia spiegando i motivi di questo cambio di colore.

Le nuove restrizioni anti-Covid saranno valide dal 15 marzo al 6 aprile. Intanto l’Iss conferma per la sesta settimana consecutiva un peggioramento nel livello generale del rischio: terapie intensive sopra la soglia critica.

Le regole per la zona rossa

Anche il Lazio finisce in zona rossa

Il Lazio entra in zona rossa da lunedì 15 marzo. Lo ha confermato il governatore Nicola Zingaretti: “Anche la nostra Regione da lunedì sarà chiamata a rispettare giustamente le regole della zona rossa”, ha detto in un passaggio del suo discorso al centro vaccinale di Fiumicino.

Il Piemonte anticipa alcune chiusure

Il Piemonte andrà in zona rossa da lunedì come le altre regioni ma vista la situazione ha anche deciso anticipare a domenica 14 marzo la chiusura dei mercati già prevista in zona rossa dal giorno dopo, ad eccezione dei banchi di generi alimentari, fiori e prodotti agricoli.

La Sardegna resta in zona bianca

Come anticipato, la Sardegna resta in zona bianca almeno per questa settimana e se dovesse continuare ad avere buoni dati, come quello che ha al momento, potrebbe restare bianca anche a Pasqua.

Le regioni in zona arancione

Sono invece 7 le aree che sono o diventano arancioni: Abruzzo, Calabria, Liguria, Toscana, Sicilia, Umbria, Valle d’Aosta. A queste si aggiunge un’ottava area, la provincia di Bolzano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.