E’ stata uccisa Chiara Gualzetti: fermato un amico

Hanno sperato tutti fino all’ultimo momento di poter ritrovare Chiara, magari stanca e disidratata per il caldo. Purtroppo però le ricerche di Chiara Gualzetti hanno avuto un esito diverso: la ragazza è stata trovata morta in cima a un’altura nel parco dell’Abbazia di Monteveglio, sui colli Bolognesi. Non era molto lontano da casa Chiara, era lì dove a qualche centinaio di metri dal posto in cui i suoi genitori la stavano aspettando, sperando di poterla riabbracciare. L’epilogo di questa storia invece è tutt’altro, è una vicenda drammatica che ci racconta di un omicidio. Chiara è stata uccisa da un suo coetaneo, fermato poche ore fa che, stando a quanto trapela, avrebbe anche confessato.

L’omicidio di Chiara Gualzetti ultime notizie

Domenica mattina Chiara esce di casa e da quel momento i suoi genitori non hanno più notizia. Nel pomeriggio decidono di chiedere aiuto alle forze dell’ordine e partono subito le ricerche. E’ il pomeriggio di lunedì, 24 ore dopo, l’atroce scoperta. Saranno gli esami sul cadavere di Chiara a stabilire da quanto il suo corpo fosse lì, a meno che la persona che è stata fermata per il suo omicidio, non fornisca un racconto veritiero di quello che è successo. Sul suo corpo di 15enne (16 anni li doveva compiere a breve) erano visibili tagli all’altezza del collo e altri segni di coltellate, e poi lividi come se la ragazzina fosse stata picchiata.

Le forze dell’ordine si sono subito indirizzare verso un ragazzo, un coetaneo di Chiara che sembra avesse un appuntamento con la sedicenne. I due si frequentavano da qualche tempo. Anche la famiglia lo conosce e sapeva che era un amico, niente di più. I Carabinieri quindi hanno sentito in queste ore di ricerche e indagini, il ragazzino che avrebbe tentato di sviare i sospetti, dicendo che Chiara doveva incontrarsi con qualcuno conosciuto sui social. Invece sarebbe stato proprio lui a vederla per ultimo.Ieri è stato sentito fino a tarda sera in caserma a Bazzano e lì ha confessato: è indagato per omicidio ed è stato fermato. Per il momento non emergono altri dettagli sulla confessione del ragazzo.

Intanto il papà di Chiara si era dato da fare per cercare qualcosa sul cellulare di sua figlia e aveva trovato delle strane chat, con delle minacce, bisognerà poi capire il legame tra i fatti. Oltre al ragazzo fermato sono state sentite molte altre persone che conoscevano la vittima.

«Non me la sento di dire nulla, ho solo bisogno di stare tranquillo» sono queste le parole di Vincenzo, il papà di Chiara.

Si cercherà di capire nelle prossime ore che cosa stesse succedendo nella vita di Chiara prima di quel maledetto giorno e come sempre i social potrebbero essere molto utili. “Mi dicono che ho un bel corpo, mi dicono che sono intelligente e bella… E va sempre a finire che quando lo dicono, lo dicono per approfittarsi del mio corpo e della mia intelligenza. Oppure spariscono perché si stancano di provare a usare il mio corpo e si stancano della mia intelligenza” scriveva qualche mese fa Chiara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.