Scuola: tamponi, mascherine, trasporti: le ultime indicazioni del ministro Bianchi

Ritorno a scuola solo con il vaccino? Le ultime novità

Manca ormai pochissimo all’inizio del nuovo anno scolastico e mentre ragazzi e bambini torneranno in classe tra un paio di settimane, a scuola docenti e operatori scolastici, torneranno in modo regolare e costante, già nei prossimi giorni a lavoro. Ed è per questo che dovrebbero arrivare delle regole ben chiare su quello che si dovrà fare. Nel meeting di Rimini al quale ha partecipato ieri, il ministro Bianchi, ha cercato di fare in qualche modo chiarezza, spiegando che tutto il personale scolastico dovrà avere il green pass. Chi non lo avrà sarà sospeso. Ma non si è parlato dei tamponi, il problema che nelle ultime settimane è stato sollevato, visto che si era persino arrivati a dire che per il personale dovessero essere gratis, una vera eresia.

Nel corso del suo discorso il ministro ha anche cercato di fare chiarezza su altri punti, in attesa poi ( forse) di un decalogo o di qualcosa di scritto che possa servire da guida nei prossimi mesi per tutto il mondo della scuola.

Scuola: fondamentale il ritorno in presenza

Sarà difficile pensare a un altro anno in DAD che dovrà essere usata solo qualora si renderà necessaria. Ma i ragazzi e i bambini quest’anno dovranno andare in classe. Il ministro ha spiegato quanto sia fondamentale il ritorno in classe per tutti: “Noi siamo convintissimi di questo, abbiamo lavorato su questo già da primavera, abbiamo portato in presenza tutti i bambini e i ragazzi, abbiamo fatto tutti gli esami di maturità e abbiamo tenuto aperto le scuole anche in estate. In questo momento – ha ricordato – stiamo investendo una quantità di risorse, oltre due miliardi, come mai si è visto”.

Il nodo trasporti

Il ministro sulla questione dei mezzi pubblici ha dichiarato: “Stiamo lavorando moltissimo con il ministro Giovanni, con le Regioni e tutti gli enti locali che hanno molto intensificato l’offerta. Noi abbiamo investito più di 800 milioni per aumentare nell’ora di punta del 20 per cento i trasporti. Non voglio dire che sono tranquillo, ma sono sicuro di come tutti gli enti locali e le province stiano lavorando per garantire il massimo di garanzia”.

La mascherina in classe

Non è ancora chiaro se si potrà fare a meno della mascherina in classe. Probabilmente sarebbe consigliato tenerla anche nelle classi in cui c’è un alto numero di persone vaccinate tra i ragazzi, perchè come sappiamo, anche chi è vaccinato potrebbe contagiarsi e a sua volta contagiare, anche se le percentuali sono molto basse ( qualora in classe fossero tutti vaccinati, come si auspica, sarebbero bassissime). Bianchi ha parlato “dell’addensamento nelle scuole, ma sicuramente i bambini dovranno tenere la mascherina“. Poi il capitolo della fiducia nei ragazzi nell’impegno per l’immunizzazione: “Mi fido di loro, lo dimostra la risposta straordinaria che stanno dando: fra i 16 e i 19 anni siamo già a un grande livello, sopra il 60% di vaccinazione”.

C’è una linea, ma non c’è niente nero su bianco. E per combattere il covid servono delle regole ben precise, indicazioni uguali per tutti che al momento, a quanto pare, sono le stesse usate lo scorso anno. Forse si poteva fare qualcosa in più, anche in questo senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.