Si è impiccato in carcere l’assassino di Chiara Ugolini

L’aveva uccisa nella cucina della sua casa, dopo una aggressione. Chiara Ugolini neppure lo conosceva quel vicino di casa che forse era ossessionato da lei. E’ morta a 27 anni, una vita spezzata, tanti sogni cancellati e la vita di tutte le persone che le volevano bene distrutta per sempre. Il suo assassino era stato arrestato poche ore dopo la morte della giovane. Emanuele Impellizzeri si è impiccato nella sua cella. La notizia del suicidio pochi minuti fa. L’uomo era in carcere con l’accusa di aver ucciso Chiara. A darne notizia è il segretario nazionale della Uilpa polizia penitenziaria, Gennarino De Fazio. La scoperta del suicidio risale alle 5.30. Proprio oggi era previsto un interrogatorio per l’uomo che aveva confessato di aver ucciso Chiara senza neppure sapere il motivo di quel gesto. Era entrato in casa sua dal balcone poi la lite, l’aggressione e infine l’omicidio.

Si è suicidato in cella Emanuele Impellizzeri

Un dramma nel dramma perchè anche l’assassino di Chiara aveva una famiglia che adesso sarà travolta da un dolore che mai si potrà cancellare. L’uomo era sposato e aveva dei figli. Impellizzeri, che lavorava in una carrozzeria del paese e stava scontando con l’affidamento in prova ai servizi sociali una condanna per due rapine risalenti al 2006, aveva ammesso di aver trovato in casa la ragazza quando si era introdotto nell’appartamento. Ma ha raccontato di averla solo spinta respingendo ogni altra accusa tra cui quella di un’aggressione a sfondo sessuale. Ha detto di non aver violentato Chiara, come si era ipotizzato in un primo momento.

Il fidanzato di Chiara aveva commosso tutti, pochi giorni dopo l’omicidio, con un messaggio postato sui social che raccontava questo amore puro, stroncato da un assassino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.