Fobie: quali sono le più diffuse?

Ognuno di noi ha qualche paura immotivata, qualche fobia nei confronti di qualcosa, che a volte limita la nostra capacità di autocontrollo in determinate situazioni. Ma quali sono le fobie più diffuse? Quali invece quelle più strane? Ve lo siete mai chiesto? I risultati dell’indagine condotta dall’organizzazione YouGov UK sono sorprendenti. Sì perché alcune delle fobie elencate sono abbastanza comuni, come quella nei confronti dei ragni, ma altre invece sorprenderanno chi leggerà.
La fobia è una paura irrazionale, del tutto personale, il terrore immotivato nei confronti di qualcosa che ci spaventa e di cui non sopportiamo a volte nemmeno la vista. In alcuni casi determinate fobie possono essere addirittura fonte di presa in giro da parte degli altri, da parte di persone che non possono comprendere il perché una determinata cosa ci dia così tanto fastidio e che magari a loro volta possono essere intimoriti e anche tanto da qualcosa che invece a noi non farà né caldo né freddo.

Lo studio condotto dall’ dall’organizzazione YouGov UK si è occupato di stilare un elenco che racchiudesse le 13 fobie più comuni nel mondo. Al primo posto si trova la paura dell’altezza, meglio definita scientificamente come l’acrofobia, condivisa secondo il sondaggio da una grandissima parte degli intervistati. Le vertigini, al punto da non riuscire nemmeno ad affacciarsi dal balcone, sono il chiaro sintomo di un disagio per chi soffre di questa fobia. La paura dei serpenti, ofidiofobia, si piazza seconda seguita dalla paura di parlare in pubblico (glossofobia) e dalla paura dei ragni (aracnofobia) che contrariamente ad ogni aspettativa si piazza solo quarta.

Quinto gradino del podio per la claustrofobia: paura degli spazi chiusi per la precisione, fobia che a volte impedisce al malcapitato che ne soffre anche di prendere un semplice ascensore. La paura dei topi segue al sesto posto e la comune paura degli aghi (belonefobia) si aggiudica il settimo posto: in questa categoria racchiudiamo chiunque abbia paura di oggetti appuntiti simili agli aghi, per chi soffre di belonefobia può essere terrorizzante anche trovarsi di fronte ad un ago per cucito.

La paura di volare (sotto ogni aspetto) si chiama pteromeranofobia e si trova all’ottavo posto seguita al nono dall’agorafobia. Strana, all’undicesimo posto, la paura dei clown arriva prima della classica paura del buio. Infine la paura del sangue (emofobia) e quella verso i cani (cinofobia) si piazzano rispettivamente al dodicesimo e al tredicesimo posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.