Norvegia, pescato un merluzzo che aveva ingoiato un vibratore

In Norvegia è stato pescato un merluzzo con una peculiarità: aveva ingoiato un vibratore. Un pescatore nei pressi di Oslo ha rinvenuto il pesce e appena lo ha messo sul tavolo della sua barca ha fatto la scoperta incredibile. Probabilmente il pesce pensava si trattasse di un animale marino e lo ha mangiato. Invece si trattava di un vibratore gettato in acqua da qualcuno. “Le possibilità di vincere alla lotteria probabilmente sono più alte” queste le prime parole dette ai media da Bjorn Frilund, 64enne di Eidsbygda, in Norvegia. La sensazionale scoperta ha portato alla ribalta delle cronache l’uomo. Il pescatore ha scoperto un vibratore nello stomaco di un merluzzo. Ecco le sue parole: “È stato incredibile. Non avevo mai visto nulla di simile prima. I merluzzi mangiano diversi tipi di cose e il dildo assomiglia a quei pesci che mangiano solitamente. Nelle nostre acque c’è un tipo di calamaro colorato: forse il merluzzo deve avere pensato che fosse lui“. Nello stomaco del merluzzo, Frilund ha rinvenuto il vibratore e due aringhe. Secondo il pescatore, il vibratore è stato gettato nelle gelide acque della Norvegia da qualche donna frustrata che si trovava su una nave. Insomma, una vicenda bizzarra quella che ha visto coinvolto suo malgrado un povero merluzzo. Pescato nelle gelide acque da un anziano signore, ha reso famoso l’uomo che lo ha tirato su nella sua imbarcazione. Questo perché aveva ingoiato un vibratore, probabilmente scambiandolo per un pesce. Di certo non è stata una scelta saggia quella di chi ha getto il sex toys in mare. Forse per timore di essere scoperta mentre stava facendo una crociera, la ragazza ha buttato via il suo dildo, che è finito nello stomaco di un pesce. Almeno questa l’ipotesi di Frilund, ovvero colui che ha pescato lo sfortunato merluzzo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.