Arriva il contraccettivo tecnologico di Bill Gates: si tratta di un chip sottopelle

È arrivato il contraccettivo tecnologico studiato nientemeno che da Bill Gates. Si tratta di un chip che va posto sottopelle. La fondazione di Bill Gates ha finanziato lo studio e i test di un mini dispositivo tecnologico (20 mm x 20 mm x 7 mm) da mettere sottopelle. Si tratta di un particolare chip studiato apposta per essere usato come contraccettivo dalle donne. Emetterà per 16 anni ormoni (Levonorgestrel): funzioneranno da contraccettivo per evitare gravidanze indesiderate. Controllato da remoto (a distanza) da un computer, può essere bloccato in qualsiasi momento e il prezzo di base non dovrebbe essere alto. Il chip è stato realizzato in collaborazione con l’autorevole MIT di Boston, in Massachusetts.

Il Levonorgestrel è un ormone progestinico di seconda generazione. Viene usato come contraccettivo producendo attività simili a quelle del progesterone ed è contenuto nella cosiddetta pillola del giorno dopo. I test proseguiranno fino al 2018. Se tutto andrà come sperato, sarà quella la data in cui entrerà ufficialmente in commercio. Possiede una minibatteria che si ricarica in fretta.

L’uovo speciale finanziato da Bill Gates – LEGGI QUI

Ogni dose di ormoni sarà di 30 microgrammi. Robert Farra, professore al MIT, ha spiegato così: “La facilità con la quale si può riprogrammare permetterà, ad esempio, di sospendere l’attività contraccettiva. Questo se si desidera avere un figlio“. La comunicazione con l’impianto è essenziale a breve distanza per evitare manomissioni. Il chip sottopelle potrebbe entrare in commercio nel 2018. Intanto proseguono le sperimentazioni e Bill Gates sembra credere molto in questo progetto.

Chi sono gli uomini più ricchi del 2013? – LEGGI QUI

Il contraccettivo tecnologico potrebbe essere presto realtà. Non è chiaro come verrà messo sottopelle e nemmeno quali siano le controindicazioni. Per avere maggiori informazioni in merito non resta che attendere. La fondazione del boss di Microsoft si occupa di sperimentare prodotti utili anche per il sociale. Di certo, in questo caso, il prodotto è nato per competere sul mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.