Mangia il suo piatto di spaghetti: 33enne dà fuoco al coinquilino

Una notizia decisamente strana arriva dagli Stati Uniti. Un uomo mangia il piatto di spaghetti della ragazza con la quale condivide l’appartamento e la 33enne, appena tornata a casa, dà fuoco al coinquilino. Era uscita di casa e non vedeva l’ora di tornare per mangiare il suo cibo preferito: gli spaghetti meatballs. La donna li aveva preparati e messi da parte per poi consumarli una volta tornata. Quando è tornata nella sua abitazione ha fatto la terribile scoperta: il piatto di spaghetti era stato mangiato dal suo coinquilino. La donna va su tutte le furie e per vendetta gli dà fuoco. Quando sono intervenute le forze dell’ordine per arrestarla, la donna si lamentava urlando che il coinquilino le aveva rubato i suoi spaghetti con le polpette.

Spaghetti al pomodoro con polpettine di carne, questo il prelibato alimento che la 33enne Melissa Dawn Sellers (in foto) si era lasciata da parte per mangiare. La donna, residente in Florida, era uscita per andare in giro. Dopo una nottata passata nei locali a bere, voleva tornare e mangiare quanto aveva cucinato. Il povero coinquilino, il 43enne Carlos Ortiz, aveva fame. Ha trovato il piatto di spaghetti e ha deciso di mangiarlo. Quando Melissa è tornata a casa e ha scoperto l’accaduto, gli ha tirato del solvente per lo smalto addosso.

Roma, appartamento in fiamme: morta una donna – LEGGI QUI

In seguito gli dà fuoco e viene arrestata per tentato omicidio. Ortiz è in ospedale, ricoverato in condizioni gravi. Per lui ustioni su viso, sul torace e sulle spalle. Dunque, negli Stati Uniti è avvenuto questo episodio bizzarro. Lo sfortunato 43enne Carlos Ortiz era stato colto da fame improvvisa e ha mangiato l’unica cosa che ha trovato nel frigo. Il suo “errore” è stato però quello di consumare un piatto destinato alla sua coinquilina. La donna si vendica in maniera eccessiva, per usare un eufemismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.