Perché gli assorbenti costano tanto?

Tra le voci delle spese mensili per l’igiene della donna quella per gli assorbenti incide parecchio. Con le ali, ultrasottili, interni etc: la scelta è ampia ma i prezzi sono medio alti. Vi siete mai chieste perché gli assorbenti, soprattutto di marca, costano così tanto? Non tutte sanno che su questi prodotti viene applicata una tassa del 5% che il governo riserva solitamente ai beni di lusso.

CICLO MESTRUALE, COSA BISOGNA SAPERE

Ora come sia possibile che questi prodotti indispensabili per la donna nel periodo delle mestruazioni siano trattati alla stregua di gioielli o altri beni lussuosi è difficile da comprendere. E infatti non mancano le proteste da parte delle associazioni che tutelano i diritti dei consumatori. L’igiene mestruale deve essere un diritto e questa concezione deve essere evidente anche dal prezzo di vendita di assorbenti e simili. E’ inaccettabile che al supermercato si debbano pagare in media 4 euro per una confezione di tamponi. Se si considera che nell’arco di una vita in media ogni donna in Italia usa circa 11.000 assorbenti interni le cifre di spesa sono impressionanti. Certo si potrebbe obiettare che esistono assorbenti esterni, magari non di marca, magari senza ali, che costano meno. Ed esistono a ben vedere anche alternative ecologiche e non usa e getta. Ma tutte queste devono essere scelte non imposizioni. Ogni donna, in una società civile che sia degna di essere considerata tale, deve avere piena scelta sugli assorbenti da comprare senza che questo diventi un salasso. Di recente è stata anche lanciata una petizione per abolire la tassa sugli assorbenti: ad oggi sono state raccolte circa 135 mila firme. Pensate che prodotti molto meno utili e indispensabili, come le caramelle gommose solo per citarne uno, non vengono tassati come beni di lusso. Se i preservativi, come è giusto che sia, vengono messi a disposizione gratuitamente dal servizio sanitario, perché non fare lo stesso con gli assorbenti?

One response to “Perché gli assorbenti costano tanto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.