Obama a Kensington Palace e il principino George lo accoglie in pigiama (FOTO)

Il principino George incanta ancora una volta il mondo intero e supera anche la mamma e il papà, Kate Middleton e William d’Inghilterra, e l’occasione per le nuove foto è arrivata con la visita ufficiale di Barack Obama e la moglie Michelle a Kensington Palace. Gli Obama durante la visita in Gran Bretagna non potevano non andare a cena da William e Kate e George non poteva perdere il momento, conoscere il presidente degli Stati Uniti d’America, stringergli la mano anche se in pigiama a vestaglia. George era già pronto per andare a dormire, ha stretto la mano al presidente e poi gli ha mostrato il suo cavallo a dondolo. Un vero incanto per tutti, l’orgoglio dei duchi di Cambridge, attimi di una naturalezza che solo i bambini sanno creare.

Dalle foto è chiaro che l’atmosfera è serena, informale, l’arrivo di George entusiasma tutti, ospiti e genitori. Il piccolo ometto, l’erede al trono è un vero principe, è piccolissimo ma con l’aiuto di Kate e William sa sempre come comportarsi. Ecco le foto

La regina Elisabetta in posa con i nipoti per il suo compleanno – qui le foto

Gli Obama e William si abbassano alla sua altezza, è sempre il modo migliore per dare sicurezza ad un bambino, per dimostrargli che anche i grandi sanno tornare piccoli. Quel pigiamino, la vestaglia, i capelli in ordine, gli occhi che scrutano il volto del presidente mentre George gli stringe la mano. Papà William è orgoglioso del suo ometto, la mamma li guarda ad un passo poi lo lascia mostrare il suo cavallo a dondolo, si completa con lui e poi lo convince ad abbandonare la scena, è ora della nanna per i piccoli di casa, è ora della cena per i grandi. Lady Diana sarebbe così orgogliosa della famiglia che il suo William ha creato con Kate che sembra quasi di vedere il suo sguardo e il sorriso mai più tristi.

One response to “Obama a Kensington Palace e il principino George lo accoglie in pigiama (FOTO)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.