Fiocco di neve, simbolo della Cina: la storia del bambino arrivato a scuola con i capelli ghiacciati


Fiocco di neve, simbolo della Cina: la storia del bambino arrivato a scuola con i capelli ghiacciati

Il piccolo Fiocco di neve è diventato il simbolo della Cina. Stiamo parlando di Wang Manfu, un bambino presentatosi a scuola con i capelli ghiacciati e le mani coperte da geloni. Le sue immagini hanno fatto il giro del mondo. Stando alle ultime notizie, nell’istituto che il piccolo frequenta sono arrivate delle donazioni. Il bambino è stato intervistato e ha raccontato di aver dimenticato sia cappello che guanti per il tragitto sino alla scuola. Proprio per tale motivo, il piccolo è stato sottoposto al gelo totale.

FIOCCO DI NEVE, SIMBOLO DELLA CINA ULTIME NOTIZIE: LE FOTO DI WANG MANFU DIVENTANO VIRALI

Wang Manfu, ora conosciuto come Fiocco di neve, è diventato il simbolo della Cina. Le immagini del bambino che è arrivato a scuola con i capelli ghiacciati e le mani coperte da geloni hanno fatto il giro di tutto il mondo. Il piccolo di 10 anni è giunto all’istituto semiassiderato, per i quattro chilometri percorsi sotto la neve per raggiungere la sua scuola. Le sue foto sono diventate virali negli ultimi giorni, e non solo in Cina. Infatti, tutto il mondo si è commosso di fronte a queste immagini. “Mi sono reso conto di aver dimenticato cappello e guanti quando ormai ero arrivato a metà strada”, questo è ciò che rivela Wang ad un intervistatore.

A postare le sue foto ci ha pensato il preside della scuola elementare Zhuanshanbao, Fu Heng. Quest’ultimo ha scelto di condividere le immagini del piccolo sui social cinesi, proprio per mostrare a tutti le condizioni di difficoltà in cui si trova l’istituto della contea di Ludian nello Yunnan.

Si tratta di una zona rurale del paese dove vi sono dei problemi riguardanti lo sviluppo economico. La famiglia di Wang è stata costretta a trasferirsi in una grande città per trovare lavoro, lasciando i figli con i nonni in questo piccolo paese di campagna. Non stiamo parlando di un unico caso, questo è solo uno dei tanti esempi.

IL BAMBINO ARRIVATO A SCUOLA CON I CAPELLI GHIACCIATI: ECCO PERCHE’ IL PRESIDE HA CONDIVISO LE FOTO

La condivisione delle foto del piccolo “Fiocco di neve” della Cina ha un vero e proprio obbiettivo. Il preside ha voluto mostrare come nello Stato cinese vi siano 17 milioni di bambini “lasciati indietro”. Dall’anno 2013 stanno cercando di migliorare le condizioni di questa scuola, iniziando dalla mensa e finendo al cortile. Il preside ha ammesso, inoltre, che non vi sono disponibili abbastanza soldi per il riscaldamento. La scelta di Fu Hang ha ricevuto dei riscontri positivi. Infatti, dopo le foto di Wang Manfu, la campagna di raccolta fondi delle associazioni di volontariato dello Yannan è riuscita a ricevere ben 100mila Renminbi, ovvero 15mila dollari in pochissimi giorni. Nella scuola sono stati, invece, ricevuti 300mila dollari nel corso delle ultime ore. Nella città di Zhaotong City, capoluogo di Ludian, vi sono più di un milione di persone che soffrono la povertà, tra cui 140mila bambini che frequentano la scuola elementare. In quella di Wang vi sono 167. Il piccolo “Fiocco di neve” ha rivelato che la scuola gli piace e da grande vorrebbe andare all’università di Pechino.

Fiocco di neve, simbolo della Cina: la storia del bambino arrivato a scuola con i capelli ghiacciati ultima modifica: 2018-01-12T14:32:36+00:00 da rebecca

Leggi altri articoli di News dal mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.:03370960795 - iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

 

Close