Il piccolo Alvin è libero: lascia il campo di prigionia in Siria anche grazie a Le Iene

Torna finalmente a casa il piccolo Alvin il bambino portato dalla madre in Siria che viveva in un campo di prigionia. La sua storia raccontata a Le Iene

E’ servito l’intervento de Le Iene per permettere a un padre di riabbracciare il suo bambino. La storia del piccolo Alvin aveva fatto il giro del mondo dopo il servizio dedicato a questa vicenda da Le Iene. Luigi Pelazza, insieme al padre del piccolo, aveva raggiunto la Siria per cercarlo. La mamma di Alvin, che viveva in Italia con suo marito e la sua famiglia, aveva deciso di lasciare tutto per arruolarsi nell’Isis. Era partita per la Siria portando via il piccolo Alvin che ai tempi frequentava la prima elementare. Il bambino, cittadino italiano a tutti gli effetti, ha quindi vissuto sulla sua pelle gli orrori della guerra. Non solo, come Le Iene hanno raccontato nel loro servizio dedicato al piccolo, era rimasto anche orfano, dopo aver visto sua madre morire durante i bombardamenti. E Alvin, dopo più di 5 anni da quel maledetto addio all’Italia, qualche settimana fa grazie al programma di Italia 1 aveva potuto riabbracciare il suo papà ma per delle vicende burocratiche non aveva potuto lasciare con lui il campo di prigionia dove viveva.

Oggi però una bellissima notizia: il piccolo torna libero.

TORNA A CASA IL PICCOLO ALVIN: GRAZIE ALLE IENE UN LIETO FINE

Dal sito ufficiale de Le Iene:

Alvin è finalmente libero! Dopo quasi un mese di paura e trepidazione per il bimbo albanese di 11 anni, portato dalla madre nel 2014 nei territori dello Stato islamico in Siria, è  finalmente arrivata la notizia tanto attesa.Alvin Berisha, questo il nome del piccolo che vi abbiamo fatto conoscere con il reportage di Luigi Pelazza (che potete rivedere sopra), è ora nelle mani degli uomini della Mezzaluna Rossa e di Croce Rossa Internazionale, che lo riporteranno in Italia dal padre Afrim attraverso un corridoio umanitario

E noi non vediamo l’ora di vedere un nuovo servizio di Luigi Pelazza che ci possa mostrare il rientro in Italia del piccolo che, vedendo il suo papà, aveva subito chiesto del nonno e dei fratellini. Forza Alvin, ha adesso, tutta la vita davanti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.