Piero Chiambretti mostra il giorno del ricovero e il dolore per la grave perdita (Foto)

Una foto in ambulanza, era il 16 marzo, il giorno del ricovero per Piero Chiambretti e per la sua adorata mamma. Il conduttore ha voluto ricordare quel terribile momento, la paura che purtroppo è poi diventata dolore reale. Chiambretti ha combattuto contro il Coronavirus, lui ce l’ha fatta, sua madre ha chiuso gli occhi per sempre. La signora Felicita Chiambretti è deceduta nello stesso ospedale dove era ricoverato suo figlio; aveva 83 anni e un mese dopo la sua morte Piero scrive che le madri non dovrebbero mai morire perché danno la vita. Altri scatti sul suo profilo social, altro dolore, i suoi giorni di sofferenza, “steso” da quanto gli è accaduto nelle ultime settimane. Poi le poesie della madre mentre cerca ancora di metabolizzare tutto. 

PIERO CHIAMBRETTI DAL RICOVERO DOPO IL CONTAGIO AL DOLORE ANCORA VIVO

E’ troppo presto per dimenticare e lo confida postando quello scatto del 16 marzo. I sorrisi di sua madre nelle altre foto mentre sono tanti gli amici che cercano di dargli forza. C’è la sua bambina, Margherita, di certo è lei la persona più importante.

Cristiano Malgioglio è tra gli amici che lo sorreggono: “Amico caro, che bello finalmente vederti in foto dopo così tanto tempo …dove sul tuo volto si legge’ tutta la sofferenza che hai dovuto sostenere. Ti confesso che ho molto sofferto per te e per la scomparsa della tua meravigliosa madre.. Ti prego adesso di mettere a posto tutte le malinconie che occupano il tuo cuore. Ricordati che il tempo cerca di cicatrizzare a malapena tutte le ferite. Ti voglio bene amicone mio. La sorella che avresti voluto avere. Eccomi sono qui”. Non servono altre parole, lui stesso non ne usa molte, solo indizi che rendono chiaro il dolore. Sono ricordi che non andranno mai via e che riguardano tanti italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.