Claudia Montanarini, minacce e botte alla fidanzata dell’ex marito: rischia il carcere (FOTO)

Da protagonista di Uomini e Donne a protagonista in vicende a dir poco spiacevoli e questa volta Claudia Montanarini (foto) rischia il carcere per aver minacciato e picchiato la fidanzata dell’ex marito. Queste sono le accuse rivolte alla bella Claudia, sorella della famosa Giulia Montanarini ma anche ex volto noto del programma pomeridiano di Maria De Filippi. L’ex tronista ed opinionista di Uomini e Donne avrebbe picchiato e minacciato la nuova compagna del marito, dell’ex marito. Ma non basta perché in base alle accuse deve rispondere di corruzione e ovviamente stalking.

I fatti risalgono allo scorso anno, al maggio 2014, quando Claudia era già separata ma non ancora divorziata dall’uomo. Contro di lui c’era già stata la condanna in seguito alla denuncia della Montanarini. Lei lo accusava di lesioni, ingiurie e minacce, una guerra iniziata tempo fa tra i due e ancora oggi sembra infinita. Torniamo ad oggi e alla condanna chiesta per l’ex di Uomini e Donne: 4 anni e 3 mesi di carcere. Ma che ha fatto per arrivare a questo punto?

Claudia Montanarini un anno fa avrebbe scoperto la nuova relazione del suo ex con una commessa di un fast food e avrebbe cercato in ogni modo di convincerla a troncare la relazione. Ovvero, prima minacce del tipo: “Ti faccio lo scalpo, ho i soldi per fare tre guerre” e poi addirittura avrebbe pagato 15mila euro a due poliziotti affinchè la pedinassero e la sottoponessero a falsi interrogatori. Tentativi tutti falliti, così Claudia sarebbe entrata in azione travestendosi e recandosi nel locale dove lavora la ragazza per picchiarla. Il pubblico ministero ha così chiesto la condanna per lei e per i due poliziotti. Sembra davvero assurdo aggiungere questo nuovo capitolo alla vita di Claudia ma questa volta non si tratta di semplice gossip.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.