Belen casca di nuovo nel gestaccio, nervosa contro i paparazzi (Foto)

Belen Rodriguez non riesce proprio a tenere al posto suo il dito medio e sono queste le foto della showgirl argentina che ogni volta ci piacciono sempre meno. Non è la prima volta che Belen mostra il medio ai paparazzi, non è la prima volta che dimentica le buone maniere. Ci sono tanti modi per dimostrare il fastidio che possono causare i fotografi che la inseguono ovunque e di certo questo è uno dei più brutti. Belen deve gran parte della sua fortuna al gossip, proprio ai paparazzi che oggi fa fatica a sopportare, ma la gratitudine la dimentica spesso. E se la sua intervista con Maurizio Costanzo ci era piaciuta tanto, allo stesso modo le foto pubblicate da Novella 2000 sono terribili.

Le foto pubblicate dal settimanale di gossip sono state scattate qualche notte fa; la Rodriguez perfetta come sempre tra trucco, capelli e abbigliamento, esce da un locale e raggiunge il suo fidanzato, Andrea Iannone, che l’aspetta già in auto. Belen vede il paparazzo e il gestaccio è immediato. Ma non era meglio un bel sorriso invece di quella smorfia davvero poco elegante?

Ecco le foto pubblicate da Novella 2000

Belen posta le foto con cui risponde a Stefano De Martino ancora innamorato – clicca qui

Il rapporto tra Belen e i paparazzi è ormai distrutto da tempo, le foto preferisce scattarle da sola con gli occhi chiusi o da cerbiatto, la bocca in posa giusta, il colore,i filtri, tutto perfetto… e possiamo anche capirla… ma quel dito medio dice molto più di tante parole proprio perché è dal gossip che lei è nata, poi sarà bella e brava più di tutte le altre ma ha ancora tanto da imparare, un po’ di memoria da recuperare fino a giungere ai tempi in cui nessuno la conosceva e i paparazzi intorno la emozionavano perché erano sinonimo di notorietà.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.