Kate Middleton incinta ma senza collant in pieno inverno, il perché della sua scelta (Foto)

Date un’occhiata alle ultime foto di Kate Middleton, come hanno notato i più attenti vedrete che la moglie di William d’Inghilterra non indossa le calze, niente collant nonostante siamo in pieno inverno e lei sia incinta (foto). La scelta deve avere una spiegazione e chi un po’ conosce le regole della casa reale, ovvero la rigidità del protocollo, ha dato la sua spiegazione. Se pensavate che non indossare i collant con il freddo fosse solo una scelta delle appassionate di moda e delle fashion blogger vi sbagliavate perché anche Middleton sotto il cappotto ha le gambe nude. Qualche giorno fa la duchessa di Cambridge ha fatto visita ai bambini della scuola di Londra Reach Academy Feltham e il suo look ha fatto chiacchierare in tanti, ma sempre e solo per ammirazione. La mamma dei principini George e Charlotte in dolce attesa del terzo erede non solo è sempre in gran forma ma con le gelide temperature di questo inverno ha detto no alle calze.

Kate Middleton maschera il pancione con gli abiti giusti, con i cappotti lunghi, ma perché i collant no? In base al protocollo reale non solo tra le varie non bisogna sfoggiare smalto sulle unghie ma nemmeno indumenti troppo appariscenti. Per non sbagliare Kate ha preferito non indossare nessun tipo di collant? In passato l’abbiamo vista con le calze colorate coprenti perfettamente a suo agio ma questa volta sotto l’abito scelto è evidente che non fosse facile abbinarle, Kate Middleton ha detto no anche alle calze contenitive e si è dimostrata una vera lady preferendo la gamba nuda che dona sempre un effetto giusto anche se con un po’ di sofferenza.

C’è da aggiungere che adesso in famiglia c’è un’altra giovane e bella donna e la rivalità magari è già presente; Meghan Markle sembra pronta a sfidare il protocollo, lei ci riuscirà?

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.