Ambra Angiolini la bulimia e la sua ossessione per La prova del cuoco

Se avete letto il libro di Ambra Angiolini, nel quale si mette a nudo e parla del suo disturbo alimentare, saprete bene che uno dei pochi programmi che viene citato dall’attrice, non ha nulla a che fare con la sua carriera. In InFame Ambra non parla dei suoi successi lavorativi e neppure dei suoi esordi nel mondo della tv con Non è la Rai. Ma c’è un programma che viene citato molto spesso ed è La prova del cuoco. Il programma di Rai 1 ha chiuso i battenti proprio questa stagione ma per oltre 20 anni ha tenuto compagnia a milioni di spettatori. E Ambra a quanto pare era tra questi. Ma la Angiolini non parla del programma condotto in quel periodo storico da Antonella Clerici, come di un conforto per chi come lei affronta una malattia come la bulimia. Lo descrive invece con parole molto forti. La prova del cuoco, come del resto tutti i programmi di cucina per le persone che soffrono di bulimia, sono distruttivi. Ambra infatti racconta nel suo libro di come passasse ore a vedere in tv questo genere di programmi, per preparare poi in casa tutte le ricette. Spesso però la fame era così tanta da non arrivare neppure a terminarle le ricette ( racconta di aver mangiato una volta persino l’impasto di un dolce ancora prima di metterlo in forno).

LA PROVA DEL CUOCO E L’OSSESSIONE DI AMBRA

E’ il più crudele di Italia, secondo me, il programma più apprezzato dalle bulimiche che a quest’ora hanno bisogno di un piccolo incoraggiamento, di nuovi spunti per preparare una succulenta scorpacciata” scrive Ambra sul suo libro citando proprio La prova del cuoco.

Stenta a credere Ambra, in una occasione in cui è di nuovo serena, che riesca persino a cantare quella canzone che tanto odiava, Le Tagliatelle di nonna Pina, senza avere lo stimolo a mangiare o a mettersi a fornelli per preparare qualcosa.

Una riflessione non di poco conto quella di Ambra in un mondo in cui si parla sempre così poco dei disturbi alimentari e in particolare della bulimia. Un invito per tutti, tramite la sua esperienza, anche a capire come una piccola cosa, possa diventare gigante per chi vive sotto gli “ordini” o le imposizioni di una malattia difficilissima da sconfiggere e curare. E quell’infame che Ambra si è portata dentro per lunghissimo tempo, spazzata via solo dall’aMore che i suoi due figli hanno portato nella sua vita.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.