Chi ha ridotto Guendalina Tavassi in quel modo?

Qualcuno ha aggredito Guendalina Tavassi? Cosa è successo all’ex gieffina che sui social è apparsa con il volto tumefatto? Un occhio nero e forse la richiesta di aiuto al Pronto Soccorso, poi la foto pubblicata sul suo profilo Instagram e la denuncia di Gaia, la figlia più grande. Tutto appare un po’ confuso e al momento l’unica certezza sembra essere quell’occhio nero. Guendalina Tavassi è apparsa su Instagram con l’occhio gonfio, sua figlia Gaia spaventata e arrabbiata per sua madre ha gridato la sua rabbia verso chi l’ah ridotta così. E’ stata la Tavassi a pubblicare per prima lo scatto scrivendo: “Io fortunatamente sono ancora qua”, poi sua figlia h ripostato la foto tra le sue Stories e ha aggiunto: “A ridurre mia madre così, che schifo. Vergogna, sono senza parole”.

L’occhio nero di Guendalina Tavassi diventa un giallo

Una denuncia sui social che al momento è scomparsa perché l’ex gieffina ha cancellato la foto. Uno scatto che però tutti avevano già visto. Al momento non c’è nessun indizio, nessun dettaglio sul chi possa essere stato ad aggredire la Tavassi. Di certo non sembra che lei abbia battuto il volto contro qualcosa per puro caso, sono le parole di Gaia a fare immaginare che Guendalina Tavassi sia stata vittima di violenza.

Ovvio legare questo episodio a quanto accaduto all’influencer qualche giorno fa. La Tavassi aveva subito dei danni all’auto ritrovandola con gli specchietti retrovisori strappati e le gomme bucate ma anche in quel caso non era saltato fuori niente sul chi fossero i responsabili.

In pochi minuti la foto poi rimossa dalla Tavassi sta creando scompiglio ma al momento madre e figlia si sono chiuse dietro un silenzio che non fa che alimentare le domande da parte dei curiosi ma che al tempo stesso preoccupa i fan. Fino a ieri sembrava tutto tranquillo nella vita di Guendalina, oggi quella foto e poi il silenzio.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.