Domenica Live, Aldo Montano e Olga raccontano il dramma del terremoto in Indonesia

Il mese di agosto un terremoto in Indonesia ha segnato la vita di molto cittadini del luogo ma anche quella dei turisti che si trovavano in vacanza nelle vicinanze di Bali e nelle isole vicine. Tra i turisti in vacanza in Indonesia c’erano anche Aldo Montano e sua moglie Olga che via social, poche ore il dramma, raccontarono i fatti con la consapevolezza di esser stati dei miracolati. Olga e Aldo Montano infatti erano fuori a cena e il loro albergo è crollato. Insieme ad altri italiani, turisti come loro, Aldo e Olga avevano cercato di mettersi in salvo. Oggi a Domenica Live, nel salotto di Barbara D’Urso, raccontano quello che hanno vissuto in quegli attimi davvero indelebili.

ALDO MONTANO E OLGA A DOMENICA LIVE RACCONTANO IL DRAMMA DEL TERREMOTO IN INDONESIA ( PUNTATA 7 OTTOBRE 2018)

Il racconto di Olga e Aldo che parlano di quelle ore che resteranno per sempre nei loro ricordi:

“Eravamo a pochi chilometri dall’epicentro, alle isole Gili. Avevo fame, eravamo al ristorante molto presto, alle 19.30. Eravamo all’aperto, la paura è stata tanta, non riesci nemmeno a capirlo appieno. E’ devastante, per i primi secondi non riesci a capire cosa sta accadendo, se un terremoto… un attentato. La gente presa dal panico, abbiamo cercato 2 o 3 coppie italiane per capire quale potesse essere la via d’uscita o una messa in salvo. C’è stato anche l’allarme tsunami, il rischio era anche quello. E si cercava un modo per uscire dall’inferno”.

Olga ha spiegato che in quei momenti non ti rendi conto di quello che sta accadendo, resti pietrificato senza capire nulla e poi ovviamente appena ti rendi conto, i pensieri viaggiano. Olga e Aldo erano molto preoccupati per la loro bambina che però non era in Indonesia, era al sicuro con la nonna. Per fortuna, come hanno raccontato oggi a Domenica Live, insieme ad altri italiani, sono riusciti a mettersi in salvo e per loro tutto questo resterà solo un incubo ma con un lieto fine.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.