Cristina Parodi, i suoi figli rientrati a Bergamo senza abbracci e il marito non si ferma mai

Sappiamo bene che Bergamo è tra le città che sta pagando di più e Cristina Parodi ha più volte confidato il suo dolore, lei che lo vive anche perché è la moglie del sindaco Giorgio Gori. Alla rivista Oggi ha raccontata della paura ma anche della dolcezza di avere a casa tutta la sua famiglia perché tutti e tre i suoi figli sono tornati a Bergamo. Suo marito non si ferma mai, non potrebbe farlo ma sa anche che non ci sarebbe modo di convincerlo, quindi lavora dal mattino alla sera, come è giusto che sia. Dal primo momento Cristina Parodi resta a casa a raccogliere soldi per la sua Bergamo e ad ascoltare notizie. L’abbiamo vista stravolta dal dolore sui social e in alcuni programmi tv, adesso che ha accanto i suoi ragazzi è forse più serena, almeno come madre. Non ha ancora abbracciato le sue figlie, sono tornate dall’estero e la paura del contagio c’è anche per loro.

CRISTINA PARODI: LE DUE FIGLIE IN ISOLAMENTO

“Alessandro è tornato da Siena, dove stava facendo uno stage dopo la laurea; le mie ragazze sono rientrate dall’Inghilterra: Benedetta studiava per un master a Canterbury e Angelica, la piccola, frequentava l’ultimo anno del college. Con loro due non ci siamo ancora abbracciate. Stanno finendo l’isolamento di due settimane, per essere certe di non essere contagiose…” è ciò che si sta vivendo in tutta Italia e non solo, è ciò che avrebbero dovuto fare tutti.

La giornalista è molto preoccupata anche per suo marito: “Lavora dal mattino alla sera, sempre in prima linea, come se questo virus non potesse toccarlo. Sono preoccupata per lui, ma so che non potrei mai convincerlo a fermarsi”. La sofferenza che la circonda è enorme, ognuno conosce qualcuno che non c’è più o che sta male, si piange in silenzio.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.