Little Fires Everywhere su Amazon Prime Video: una serie assolutamente da vedere


Siete a caccia di una serie tv perfetta per una maratona estiva di quelle che vi terranno incollate dal primo all’ultimo minuto? Bene allora sintonizzatevi su Amazon Prime Video perchè abbiamo la serie che fa per voi. Parliamo di Little Fires Everywhere la serie ambientata nel 1997 in una piccola cittadina americana che vede protagoniste due famiglie molto diverse e che si apre con un clamoroso colpo di scena. La monumentale casa di  Elena Richardson ( interpretata dalla magnifica Reese Witherspoon che non ha bisogno di presentazioni) viene data alle fiamme. Non si sa ancora chi sia stato ma sembra proprio che ci sia dietro lo zampino della figlia più piccola di Elena, Izzy, una adolescente ribelle che sta affrontando un momento delicatissimo della sua crescita. Nessuno sa quello che è successo e non lo scoprirà neppure lo spettatore visto che la trama ci riporterà immediatamente indietro nel tempo…Ripartiremo dal mese di agosto, 4 mesi prima che la casa della famiglia di Elena venisse completamente distrutta dalle fiamme che, a detta dei vigili del fuoco, è stato sicuramente provocato.

LITTLE FIRES EVERYWHERE: LA NUOVA SERIE DA VEDERE SU AMAZON PRIME VIDEO

Little Fires Everywhere è una serie che ci riporta indietro nel tempo e ci fa venire un po’ anche la nostalgia degli anni novanta, quando per comunicare si usava solo il telefono fisso, quando si andava un giro in bicicletta e si guardava per ore la tv e Buffy l’ammazza vampiri era la serie più vista dagli adolescenti. Una serie scritta da donne che ci racconta anche di donne. Le due madri protagoniste sono il fulcro di questa mini serie. Da un lato la ricca Elena, sempre impeccabile, con la sua organizzazione maniacale, un lavoro perfetto, un marito perfetto ma con un neo che non aveva previsto: la ribellione della figlia più piccola. Dall’altro Mia Warren ( interpretata dall’altrettanto super Kerry Washington). E’ praticamente l’opposto di Elena: ha costretto sua figlia a viaggiare per il paese senza mai fermarsi, senza darle dei punti di riferimento ma l’ha cresciuta da sola, senza farle mai mancare nulla. Elena sembra un libro aperto, anche se in realtà, sembra essere chiaro che dietro alla sua mania di controllo ci sia qualcosa che affonda le radici nel passato. Mia invece convive con i mostri del suo passato e una serie di bugie che vengono pian piano rivelate nella narrazione.

Da non sottovalutare anche l’aspetto razziale. Se fino a pochi giorni fa in America era tornato centrale il tema del razzismo, a dimostrazione di come ancora oggi, nel 2020, per un afroamericano o per un sudamericano, sia complicato vivere negli Usa, nel 1997 di certo, la cosa era ancora più difficile. Mia non è solo una donna di colore, è una madre single, è una artista…E’ tutto quello che l’America bigotta ancora non è pronta ad accettare.

Se da un lato Elena sembra essere la mamma perfetta anche per Pearl, la giovane figlia di Mia, l’artista invece sembra la sola a capire i tormenti di Izzy, che viene bullizzata a scuola. E’ importante ricordare, come questa serie ci dimostra, che il bullismo non ha preso piede solo nell’ultimo decennio grazie al web. Oggi è certamente peggiorato, perchè un video o una foto può fare il giro del mondo in pochissimi secondi. Ma 20 anni fa era ancora più complicato, se vogliamo, ammettere di essere una vittima e denunciare. Oggi che esistono leggi contro i bulli, gli atti di bullismo non diminuiscono, possiamo immaginare cosa succedeva 20 anni fa quando c’era la consapevolezza di passare impuniti.

LITTLE FIRES EVERYWHER E’ SU AMAZON PRIME: 8 EPISODI

La prima stagione di Little Fires Everywhere si compone di 8 episodi che hanno una durata di circa 60 minuti. Gli episodi scandiscono il tempo che è trascorso nei 4 mesi precedenti all’incendio e ci portano poi al finale, con altri flashback che ci rivelano dettagli preziosi sul passato dei protagonisti.

La serie è tratta da un romanzo bestseller, come Tanti piccoli fuochi  di Celeste Ng (in libreria con una nuova edizione dal 28 maggio pubblicato da Bollati Boringhieri).

L’obiettivo di chi narra è proprio quello di accendere, nel corso della storia, tanti piccoli fuochi che in apparenza possono essere spenti e domati e che sembrano non destare preoccupazione ma che potrebbero portare, come succede sul finale, al grande incendio, quello che cambia tutto.

Ultime Notizie Flash su Instagram

Leggi altri articoli di Fiction e Serie TV

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close