La bambina che non voleva cantare stasera su Rai: la storia di Nada

Da un po’ strano pensare che questa sera vedremo parte della storia di una grande artista che per fortuna è ancora in vita! Ma nel passato di Nada e nella sua carriera da giovane c’è tantissimo da raccontare. Ed è per questo che la Rai propone questa sera in prima serata il film tv dal titolo La bambina che non voleva cantare con Tecla Insolia protagonista. Una storia che ci porta nel passato di Nada, nelle campagne toscane degli anni sessanta. Un viaggio indietro nel tempo per capire come si diventa Nada e tutto quello che è stato il percorso musicale iniziato davvero, quando era molto molto piccola. Ma soprattutto ci chiederemo perchè Nada, era la bambina che non voleva cantare!

Oltre a Nada conosceremo anche altri protagonisti di questa storia, della sua storia. Non si può non parlare di Nada ad esempio, senza conoscere la sua famiglia. Fondamentale infatti il rapporto di Nada bambina con la sua mamma: la piccola adolescente inizia a cantare proprio perchè vuole in qualche modo salvare sua madre, lo fa per lei. Scopre poi un mondo che la conquista e capisce quella che realmente è la sua vocazione.

Preda di frequenti crisi depressive, Viviana non riesce a sentire l’amore intorno a sé. Affida al talento di Nada la speranza di un riscatto sociale, ma soprattutto esistenziale; vuole la felicità, ed è in questa ricerca, nell’anelito struggente verso qualcosa che sente come irraggiungibile, che si compiono i suoi sforzi. Intelligente e tenace non si ferma davanti a nulla, i momenti di depressione sembrano portarla lontano, in uno spazio vuoto tra sé e il mondo da cui uscire ogni volta rafforzata e rilanciare, senza esitazioni, la forza invincibile della sua capacità d’amare.

Gino, il papà di Nada, che cerca di prendersi cura di Viviana come può. Taciturno, gran lavoratore, ama la moglie e le figlie, cercando di far fronte all’instabilità in cui è costretto a vivere. Fa di tutto per tenere unita la famiglia. La sua mitezza viene spesso scambiata per debolezza, ma a lui non importa, non riesce a essere diverso e questo non gli dispiace.

Ma scopriamo qualcosa in più sul film tv in onda oggi su Rai 1. La bambina che non voleva cantare andrà in onda il 10 marzo 2021 alle 21,30.

La bambina che voleva cantare: la trama del film tv oggi su Rai 1

Nella campagna toscana dei primi anni Sessanta vive la piccola Nada. Il suo universo è composto da nonna Mora, dalla sorella Miria, dal babbo Gino, un uomo buono e silenzioso, e dalla mamma Viviana, spesso preda di forti depressioni che la tengono lontana dalla figlia e dal mondo.

Quando suor Margherita scopre il talento di Nada per il canto, il cuore fragile della bambina si convince che solo la sua voce prodigiosa ha il potere di far guarire la mamma. E così, tra la gioia di veder la madre finalmente felice e la paura che la malattia si possa riaffacciare all’orizzonte, Nada cresce accettando ciò che Viviana desidera per lei,
fino a quando quel grande talento sopravvivrà persino alle sue stesse paure: tutti scopriranno presto la voce unica di quella bambina che non voleva cantare.

Chi è Nada la bambina che non voleva cantare

La scoperta del talento la rende felice, perché quello può essere un modo per ottenere le attenzioni della madre, quell’amore che sente sfuggirle ogni giorno. Nel solco invisibile tra la vita che era e quella che sarà, Nada fa i conti con la crescita, con l’amore tormentato di sua madre, con la scoperta di una vocazione che vorrebbe tenere per sé cercando di resistere alla ‘chiamata’ che si impone con una forza travolgente

Una produzione Picomedia in collaborazione con Rai Fiction, con
Carolina Crescentini, Sergio Albelli, Paolo Calabresi, Tecla Insolia, Giulietta Rebeggiani, Massimo Poggio, Paola Minaccioni e con Nunzia Schiano nel ruolo di Nonna Mora, in onda in prima visione su Rai1, mercoledì 10
marzo alle 21.25.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.