Il finale di Incastrati, il significato dell’ultima scena: proviamo a dare una spiegazione

ficarra e picone incastrati finale

Tra le serie più viste di questa prima settimana del nuovo anno, spicca su Netflix, Incastrati di Ficarra e Picone. Una bella serie, scritta benissimo, diretta altrettanto bene e recitata ovviamente, in modo impeccabile. Un cast di primissimo livello per il debutto di Ficarra e Picone sulla piattaforma Streaming e i numeri stanno premiando decisamente il duo siciliano che ha fatto un’ottima scelta decidendo di provare a rivolgersi anche a un pubblico diverso. Incastrati sta piacendo per la ventata di leggerezza che porta ma anche per una trama ben scritta, per l’ironia molto intelligente e quel sarcasmo che lascia l’amaro in bocca. Ancora una volta Ficarra e Picone fanno ridere, sorridere in modo amaro ma soprattutto riflettere. E ci ricordano come sia possibile fare comicità senza uso smodato di parolacce, luoghi comuni o banalità. Quando la comicità è intelligente, i risultati si vedono.

Quello che sta lasciando qualche perplessità agli spettatori che hanno visto i sei episodi di Incastrati, è il finale della serie. Probabilmente per esigenze di Netflix, che avrà probabilmente chiesto a Ficarra e Picone un finale che lasciasse la porta aperta a una seconda stagione, gli ultimi minuti della serie, sono un po’ da punto interrogativo. Il finale sembrava essere infatti scritto e chiaro ma succede qualcosa che porta lo spettatore a chiedersi quale sia in realtà il significato di tutta la storia…

Il finale di Incastrati: qual è il significato dell’ultima scena?

Salvo e Valentino sono stati loro malgrado, incastrati e coinvolti in un omicidio. Senza neppure immaginarlo, la storia si è complicata sempre di più quando Salvo ha scoperto che la persona morta davanti ai loro occhi era l’amante di sua moglie Ester, sorella del suo migliore amico. I due siciliani si sono ritrovati coinvolti in una storia più che complessa visto che Gambino era anche un uomo che lavorava per la mafia ma che si era pentito e stava per collaborare con la giustizia. In ogni caso, grazie anche all’intervento delle forze dell’ordine, Salvo e Valentino avevano potuto dimostrare la loro innocenza aiutando anche le forze dell’ordine a mettersi sulle tracce di Padre Santissimo, un temuto boss mafioso ricercato da 40 anni. Durante la retata il boss però, insieme a uno dei suoi uomini più fidati, Cosa inutile, riesce a scappare…Lo ritroveremo proprio nell’ultima scena…

Qualche tempo dopo, Valentino e Salvo si godono la ritrovata serenità. Valentino sta per andare a vivere da Agata mentre Salvo ed Ester non stanno più insieme, lui infatti non le ha perdonato il tradimento. Mentre vanno in furgone in giro per delle riparazioni, Salvo ripensa al giorno dell’omicidio di Gambino. E si chiede come mai, se la televisione era funzionante, qualcuno aveva chiamato proprio loro per la riparazione: era previsto sin dall’inizio che entrambi fossero coinvolti nell’omicidio di Gambino, e chi ha ucciso il commercialista? E’ possibile che sia stato Padre Santissimo sin dal primo momento a muovere le fila di tutta questa storia?

In ogni caso i due sono per strada quando a un certo punto investono una persona. Con grande sorpresa capiscono di aver investito proprio Padre Santissimo, che era ormai latitante da tempo. E mentre decidono se chiamare le forze dell’ordine o scappare, spunta dal nulla anche Cosa inutile che punta loro contro una pistola. Che cosa vuole fare? E’ stato lui a spingere dalla scarpata il boss? Perchè sta puntando contro i due una pistola che cosa vuole da Salvo e da Valentino? Questo probabilmente lo scopriremo solo in una ipotetica seconda stagione, se mai ci sarà. Per il momento dobbiamo restare un po’ così, con i dubbi e gli interrogativi di questo finale bizzarro, che in pochi riescono a spiegare in modo convincente.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.