Sanremo 2011: Paolo e Luca sotto accusa

sanremo 2011

Non risparmiano proprio nessuno le critiche al Festival di Sanremo 2011. Paolo e Luca sono tra i più bersagliati. La loro colpa? Quella di avere pacatamente criticato il presidente del consiglio Silvio Berlusconi nelle varie puntate. I giornali vicini al centrodestra sono infuriati. Sia per il loro altissimo compenso, sia perché avrebbero peccato di ipocrisia. Paolo e Luca lavorano per Le Iene (Mediaset), quindi sono pagati da Berlusconi, però poi lo attaccano…

Ci va giù abbastanza duro anche Antonio Verro, Pdl, consigliere di amministrazione della Rai: “L’umorismo alto e pungente e il ‘sano patriottismo’ della lectio magistralis di Benigni della scorsa serata hanno lasciato ieri sera il posto ad una satira politica da televisione commerciale che ritengo non adatta ad una platea così vasta ed eterogenea come quella del Festival di Sanremo. La mia non vuole essere una critica all’umorismo di Luca e Paolo ma non posso non sottolineare – ha detto ancora Verro – che in questa edizione del Festival speravo in una direzione artistica molto più attenta ai valori che il servizio pubblico è chiamato ad esprimere”.

Merlo, del Pd, non è d’accordo col collega. Secondo l’esponente del centrosinistra la satira deve essere libera, deve potere criticare chiunque. Per Merlo, Paolo e Luca non hanno guardato in faccia nessuno, quindi vanno elogiati.

La polemica non stupisce affatto chi è abituato ai fatti italiani. Potevano, i politici, non dire la loro anche sul Festival della canzone? Certo che no.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.