LIVE Non è la D’Urso: Asia Argento litiga ferocemente con Giuseppe Cruciani

Puntata particolarmente agitata di LIVE Non è la D’Urso per Asia Argento, ospite in coppia con Vladimir Luxuria della puntata del 9 dicembre 2019. Nel corso del suo confronto con le cinque “cattivissime” sfere, l’attrice italiana è finita subito con l’affrontare direttamente il giornalista Giuseppe Cruciani.

L’uomo ha subito tirato in ballo il caso Weinstein puntando il dito prima su Vladimir Luxuria, rea di aver fatto marcia indietro sul caso; ma poi anche su Asia Argento, che non si sarebbe fisicamente sottratta alle violenze.

Asia Argento litiga con Giuseppe Cruciani

La mia denuncia ha aiutato tante donne. Io sono felice di poter dire che invece avete messo me a processo… Ma a gennaio sarà Harvey Weinstein ad andare a processo e rischia l’ergastolo”: ha subito esordito Asia Argento davanti alle accuse di Giuseppe Cruciani, sfoggiando anche un gesto dell’ombrello in direzione del giornalista.

Lo scapigliato Cruciani prova ad abbassare i toni guerriglieri della Argento: “Dai che non sei la paladina dell’anti violenza. A Weinstein potevi dire di no!”. Una affermazione che la attrice non digerisce affatto: si alza dalla sua poltrona e, con fare visibilmente arrabbiato, corre verso Cruciani: “Oh, Cruciani, Giuliani o come c*zzo ti chiami! Lui è un uomo alto così e io peso 50 chili. Quando un uomo ti mette giù per terra e ti apre le gambe come fai a dire di no? Dimmelo! Guarda che non ti sputo in faccia solo perché sei romano e mi stai simpatico…”.

Terminato il siparietto, Barbara D’Urso cerca di archiviare la faccenda provando incredibilmente a dare ragione ad entrambe le campane: “Ora, io vi ho lasciato parlare e ho capito quello che voleva dire Cruciani. Cioè, se è vero che c’è stata violenza, perché poi hai continuato a lavorarci? Però devo anche dire che ogni donna elabora e vive le violenze, che non dimenticherà mai, ma le elabora a modo suo. Io ho grandissimo rispetto per la violenza come l’ha vissuta Asia e per come l’ha elaborata… Ora però cambiamo argomento”. 

A seguire, sempre sulla suddetta faccenda, interviene Vladimir Luxuria: “Se c’è una donna che anche 30 anni fa ha subito una violenza, non deve pensare che qualcuno l’attaccherà dicendo che ha aspettato troppo prima di denunciare…”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.