Diaco in lacrime ascolta Kledi e gli parla di una bambina (Foto)

Un’intervista piena di emozioni e ricordi oggi a Io e Te sia per Pierluigi Diaco che per Kledi Kadiu (foto). Uno conduttore, l’altro ospite pronto a raccontare un passato che non potrà mai dimenticare, che in tanti non dobbiamo dimenticare. Entrambi commossi fino alle lacrime negli stessi momenti ma era davvero difficile non emozionarsi oggi ascoltando Kledi Kadiu, vivendo con la sua voce quel viaggio della speranza, l’esodo di quando il ballerino aveva solo 17 anni e in pochi minuti si ritrovò tra 20mila persone su una nave che lo portava in Italia. E’ straziante immaginare quei momenti mentre Kledi li racconta ma è quando parla della sua famiglia che Diaco cede e lascia scendere le lacrime senza riuscire a dire una parola, senza riuscire nemmeno più ad aiutare il suo ospite in un attimo in cui si era perso tra ricordi e parole.

DIACO CONFIDA A KLEDI KADIU DI UNA BAMBINA CHE L’HA INCONTRATO

Diaco lascia raccontare tutto al suo ospite, desidera fare capire a tutti il suo percorso arrivando poi alla fortuna di avere incontrato Maria De Filippi che l’ha voluto nei suoi programmi. Il ballerino deve molto alla moglie di Maurizio Costanzo, racconta il loro legame e svela anche che lei è vero che è molto severa ed è anche capace di prendersela un po’ per qualche torto subito. Non dice altro ma Diaco sottolinea che anche lui è molto severo.

Il conduttore parla di una bambina, dice che ha una bambina che l’ha incontrato alle lezioni di danza, che l’ha conosciuto e gli ha riferito che è molto dolce ma anche tanto severo. Kledi spiega la sua severità, i suoi richiami quando gli allievi fanno degli errori. Al pubblico resta la domanda sulle parole del conduttore: “Ho una bambina”. Semplice curiosità di chi vorrebbe sapere se ha una figlia o se parlava di una bimba che conosce. Curiosità che non farà piacere al padrone di casa di Io e Te, che come sempre evita domande sulla vita privata dei suoi ospiti: “Quelli sono altri programmi”. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.