La mamma di Carlo Acutis a Storie Italiane: il 10 ottobre verrà beatificato

Il 10 ottobre sarà un giorno importante, Carlo Acutis verrà proclamato beato e la sua mamma in collegamento con Storie Italiane ha confidato qual è il miracolo tra i tanti che suo figlio ha fatto. Un miracolo di secondo grado, la signora Antonia Salzano spiega che c’era un bambino che aveva una malformazione congenita al pancreas, era grave, non poteva mangiare nulla di solido. “Hanno fatto una novena pubblica attraverso una reliquia di Carlo poggiata sul bambino, hanno pregato e il bambino è andato a casa, ha iniziato a mangiare solidi e non c’era più la malformazione congenita”. La mamma di Carlo Acutis parla anche di guarigioni spirituali, forse ancora più importanti: “Questi giovani che si mettono a pregare, sono guarigioni spirituali, i ragazzi che mettono al centro della loro vita Gesù”. 

“SIAMO CONTENTI, CARLO STA PORTANDO LUCE A TANTE PERSONE”

“Siamo molto indaffarati perché a parte il covid che ci limita un pochino ma abbiamo migliaia di mail a cui rispondere, ci chiedono preghiere, ci chiedono tanto. E siamo contenti perché Carlo sta portando luce a tante persone sta aiutando tante persone e speriamo che sia un momento di grazia perché quando c’è un beatificazione vengono concesse tante grazie. Attraverso queste figure il Signore concede grazie per i loro meriti”.

Era il 2006 e una leucemia fulminante ha portato via Carlo Acutis in tre giorni: Lui si era filmato due mesi prima e aveva detto che a 70 chili era destinato a morire e in questo video col sorriso lui guarda il cielo. Ha affrontato la morte con grande serenità. Era a messa tutti i giorni, il Rosario tutti i giorni, Cristo era il centro della sua vita e questo amore per Gesù ha fatto in modo che il momento del morte per lui sia stati il passaggio alla vera vita, non era la fine di tutto ma l’inizio di tutto”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.