A Storie Italiane Paolo Mengoli: dalla figlia non ha più ricevuta una telefonata

Possibile che la figlia di Paolo Mengoli non abbia più chiamato l’uomo che l’ha cresciuta dopo la separazione del cantante dalla madre? A Storie Italiane Paolo Mengoli ha tanto da tirare fuori, non è odio, sottolinea che è tutta rabbia. La sua sofferenza è evidente ancora oggi. Giovanni Terzi in collegamento cerca di consolarlo, spera che la ragazza torni da lui perché la coscienza prima o poi grida ma Paolo Mengoli non ci crede, non sa nemmeno se un ritorno sarebbe importante ma è sempre la rabbia che lo fa parlare, la delusione, gli anni di sofferenza. “Dal 2008 non ho più ricevuta una telefonata e adesso dovrebbe tornare perché ha visto una trasmissione televisiva?”. Mengoli ci crede poco, ricorda ogni parola della donna che credeva sua figlia e ognuna è motivo di dolore.

PAOLO MENGOLI A STORIE ITALIANE: HA SAPUTO DAGLI ALTRI CHE SAREBBE NONNO

Un messaggio del vicino di casa conferma le difficoltà vissute da Mengoli, racconta di ansia, di notti insonni, il cantante si stava distruggendo, era facile vederlo arrabbiato. 

“Ho pianto quando è stato il momento di andare a ritirare il test del Dna, ero con la mia attuale moglie, piangevo come un bambino”. Sperava non fosse vero, la vita gli è caduta addosso, si è sentito ingannato. Pensa alla reazione dell’ex moglie quando le disse del Dna, non era sorpresa, sapeva tutto e pensa lo sapesse anche sua figlia.

“Avrei un nipotino adesso…” è una notizia che gli hanno dato gli altri. “Sto tirando fuori quello che sento dentro, senza odio ma con rabbia…”. L’intenzione di Eleonora Daniele è quella di tirare fuori le emozioni di Paolo Mengoli per aiutarlo a risolvere, magari per fare in modo che la ragazza che ha cresiuto per più di 22 anni ascolti le sue parole e capisca.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.