Solange morto completamente in solitudine, l’amica del cuore ha fatto sfondare la porta

Ieri la notizia della morte di Solange ha colpito tutti soprattutto perché il noto sensitivo è morto solo. Ed è l’amica del cuore Francesca Baldini a raccontare a Storie Italiane la persona speciale che era Solange ma anche quanto sia stato triste scoprire che era morto senza nessuno accanto. Sono stati Francesca e un altro amico di Solange a dare l’allarme e a dare il permesso per sfondare la porta di casa. “Non riuscivo a contattarlo e ho dato l’allarme, abbiamo fatto sfondare la porta”. Per lei il timore che fosse accaduto qualcosa di grave è arrivato subito perché sentiva di continuo Paolo Bucinelli, a qualunque ora, non c’erano giorno in cui non aveva sue notizie o non si scambiavano un saluto. Le è sembrato subito strano che Solange non rispondesse alle telefonate, ai messaggi. Purtroppo i vigili del fuoco hanno poi confermato le sue paure, era in casa senza vita, morto in completa solitudine.

SOLANGE MORTO PER CAUSE NATURALI – L’ADDIO A STORIE ITALIANE

Non c’è alcun dubbio che Solange sia morto dopo un malore, forse in infarto e Francesca suppone che si sia sentito male durante la notte. “Era il mio amico speciale ed era una persona stupenda. Gli ero molto vicina, eravamo molto legati, Solange era di famiglia per me quindi è stato come perdere una parte importante della mia vita”.

Leopoldo Mastelloni in studio è sconvolto dalla morte di Solange: “Mi fa impressione il fatto di morire isolato perché poi certi personaggi che sono popolarissimi vengono completamente cancellati come su una lavagna e non significano più niente. Mi spaventa per chi vive da solo, io vivo da solo, chissà morire in solitudine deve essere tremendo. Mi auguro che lui sia morto sereno con se stesso”. Paolo Bucinelli aveva 69 anni, più di tutto è triste immaginare che sia morto senza potere chiedere aiuto. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.