La madre di Giovanni Terzi aveva la sua stessa malattia

Una malattia rara che aveva colpito anche sua madre. Giovanni Terzi a Storie Italiane ha raccontato tutto della malattia genetica che 11 anni fa gli ha portato via mamma Luisa. Lei ha lottato ma nel passato non c’erano le stesse possibilità di cura, quelle su cui può contare adesso Giovanni Terzi. Il compagno di Simona Ventura rischia la vita, lo sa bene, solo a dicembre avrà la conferma che le cure fanno effetto ma intanto cerca di non pensare al peggio, rifiuta l’idea del trapianto dei polmoni ma anche l’ossigeno. I suoi polmoni sono in parte compromessi, tutto potrebbe peggiorare, non è facile essere positivi ma sa di essere fortunato. Guarda le immagini della sua mamma, si emoziona è dura forse oggi più di quando è andata via.

Mamma Luisa aveva la sua stessa malattia, Giovanni Terzi ha la dermatomiosite

Era la sua roccia, ne parla sempre al presente perché sente che non l’ha mai abbandonato, come suo padre che è mancato ormai da 20 anni. Gli hanno regalato tutto quello che potevano, ne parla con immenso amore e gratitudine ma c’è anche la malattia che purtroppo lega Giovanni Terzi a sua madre.

Una vita piena di sacrifici, avrebbe voluto che sua madre fosse più felice, ricorda che è sempre stata il suo difensore. Impossibile per Giovanni Terzi non commuoversi ricordando la madre ma deve essere forte, anche per Simona Ventura, per i figli. Ed è proprio la conduttrice a sostenerlo oggi come avrebbe fatto mamma Luisa, è Simona a dargli la carica anche se a volte è lei che ne ha bisogno. E’ un percorso di coppia che arriva quando la felicità era ai massimi livelli.

La sincerità di Giovanni Terzi è incredibile, in tanti magari non avrebbero mai confidato una malattia così grave ma lui desidera si sappia per aiutare gli altri, per proseguire con la ricerca, per convincere tutti a fare il vaccino, perché se lui dovesse prendere di nuovo il covid tutto potrebbe diventare ancora più grave.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.