La figlia di Paolo Villaggio ricorda i mesi più brutti prima della morte dell’attore

Ospite a Oggi è un altro girono la figlia di Paolo Villaggio, Elisabetta, ha raccontato un po’ della sua famiglia, tanto di suo padre, l’attore, il marito. Elisabetta Villaggio ricorda con maggiore dolore i due mesi precedenti alla sua morte. Quando è andato via avevano ormai capito che non c’era più niente da fare ma i due mesi in cui è stato ricoverato sono stati i più brutti della sua vita. Sapevano che stava male ma la conferma che ormai era arrivata la fine è stata terribile. A Paolo Villaggio la famiglia raccontava che sarebbe tornato a casa, che lo stavano curando, erano bugie. Elisabetta è rimasta molto tempo con suo padre, e quando è andato via è stata lei la più forte della famiglia, si è occupata lei del funerale e delle scelte, cosa fare.

Paolo Villaggio aveva il diabete ma si curava poco e male

Non riuscivano a fermarlo, mangiava dolci, sapeva che aveva il diabete ma quando usciva dall’ospedale andava subito in pasticceria. Elisabetta sa bene che se fosse stato più attento l’avrebbe avuto accanto ancora un po’, invece è morto a 84 anni il 3 luglio del 2017. Paolo Villaggio è morto per complicanze respiratorie dovute al diabete.

Racconta il legame con sua madre, una lunga storia d’amore: “Sicurante un grande amore, una grande attrazione, due persone diverse ma complementari.” A Paolo piaceva stare in mezzo alla gente, usciva tutte le sere non è stato il migliore dei mariti ma alla fine tornava a casa. Lei faceva finta di non sapere e lo lasciava anche un po’ fare. Una volta l’ha preso a ombrellate, sua moglie si era offesa perché aveva preso a braccetto due ragazze e si erano messi a ballare.

Paolo Villaggio aveva una parte di questa vita tragica ereditata dal padre ma allo stesso tempo c’era la mamma che era positiva e non si lamentava, era un po’ tutti e due.

Un minuto dedicato anche a Pierfrancesco, il fratello di Elisabetta Villaggio, che negli anni ’80 ha avuto problemi di tossicodipendenza, un altro periodo che per la famiglia non è stato semplice.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.