Wilma Goich racconta il dolore per la morte della figlia, quel messaggio apparso sul telefono

Wilma Goich non canta più, da quando è morta sua figlia Susanna non le va più di cantare ma a Oggi è un altro giorno ci riesce e la sua voce è piena di emozione. Sua figlia avrebbe voluto non smettesse mai e che cantasse come prima ma la Goich deve ancora trovare il modo per gestire il suo dolore, per vivere serena. Susanna Vianello è morta lo scorso anno, è poco più di un anno che non c’è più ed è andata via in un mese. Non ha lasciato il tempo alle persone che la amano, nessuno ha capito cosa stava accadendo. Il figlio di Susanna adesso vive con la nonna, è Wilma Goich che si occupa di lui e trova che questo riesca ad alleviare la sua sofferenza, perché deve aiutare suo nipote che è troppo giovane, che ha perso la mamma troppo presto.

Wilma Goich ha iniziato a stare meglio dopo il messaggio apparso sul telefono

Per Wilma il dolore della morte di Susanna resterà sempre, in eterno: “E’ un dolore che mi accompagnerà tutta la vita perché è impossibile toglierlo da dentro ma vorrei solo metterlo in un modo per permettermi di andare avanti con un po’ più di serenità. Anche se mi sforzo perché c’è mio nipote che vive con me e sto dando moltissimo a lui che dice è fin troppo”.

Wilma Goich racconta che per 3 o 4 mesi dopo la morte di Susanna non è riuscita a parlarne, non riusciva a piangere, era bloccata, poi è accaduto qualcosa che le ha dato la spinta per credere che lei c’è sempre. Racconta delle amiche di Susanna che le facevano compagnia e un giorno erano a casa con lei, parlavano ricordando il passato. All’improvviso il telefono di Wilma si è acceso, si è illuminato ed è apparsa la scritta “Io sto qua”. Non era un messaggio inviato da qualcuno, era una frase che ha collegato subito alla presenza di sua figlia. Da quel momento ha iniziato a reagire, a piangere, a commuoversi, a raccontare di Susanna. E’ ancora presto per tornare a cantare, per essere serena ma il passo di oggi della Goich è stato importante.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.