Alvise Rigo: “Da piccolo mi prendevano in giro, mi consolava lo sport”

Alvise Rigo

Dal rugby a Ballando con le Stelle ma Alvise Rigo sta stupendo anche se stesso e nel salotto di Oggi è un altro giorno ha continuato a farlo raccontando anche la sua infanzia e il bullismo subito. Da piccolo lo prendevano in giro e lui subiva, lo sport ancora una volta ha aiutato un bambino, un ragazzo e Alvise Rigo lo racconta con estrema semplicità. Ha confidato che fino all’età di 16 anni non era cresciuto molto, non era molto alto, facile per i bulli prendersela con lui, prenderlo in giro. Era la cattiveria del gruppo contro uno, lui era magrolino ed è diventato alto più tardi degli altri. Alvise stava al gioco ma in realtà soffriva, ricorda che era un nerd e che poi si è consolato con lo sport.


Alvise Rigo a Oggi è un altro giorno

“Delle volte si incappa nella cattiveria del gruppo. Io ero molto magrolino e sono diventato alto abbastanza tardi, io stavo al gioco ma ne risentivo. Ero un nerd, poi mi sono consolato con lo sport che mi faceva passare la tristezza” anche crescendo lo sport è stato sempre la sua forza.

“Mi ha aiutato anche quando finivano le storie d’amore con le ragazze con cui mi fidanzavo, alcune mi hanno fatto soffrire molto”. Tenero quando ricorda l’ultima volta che ha pianto, di recente, per la morte di sua nonna: “E’ scomparsa mia nonna, li primo parente che mi lascia, la prima perdita dolorosa. E’ stata un po’ una liberazione per lei però perché era malata ed è venuta a mancare con tutta la famiglia intorno”.

Non è semplice raccontare in tv le proprie sofferenze, l’ex rugbista ha confidato di avere sofferto in più occasioni ma anche in campo. Molti gli infortuni durante la sua carriera, il più grave un impatto alla testa a 30 chilometri orari. Un incidente che lo immobilizzò a lungo decidendo poi di lasciare. Oggi lavora come modello, personal trainer e altro, ovviamente anche a Ballando con le Stelle.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.