Angelo Sanzio derubato durante la partecipazione al GF, aveva lasciato il bancomat alla produzione

Brutto episodio per Angelo Sanzio, il Ken umano italiano che ha partecipato all’ultima edizione del Grande Fratello: si è ritrovato il conto in banca prosciugato mentre era nella casa del reality show (foto). Sta per scoppiare un piccolo scandalo? Ancora no ma i presupposti ci sono tutti anche se si attendono le ricostruzioni dei carabinieri. Il risultato però è che Angelo in un tranquillo pomeriggio di shopping ha tentato di pagare con la carta gli acquisti fatti in un negozio ma sul suo conto c’erano solo pochi euro. Tutto ha inizio prima di entrare nella casa del Grande Fratello; i concorrenti devono lasciare i loro effetti personali, per regolamento scritto, alla produzione Endemol Italia, ovvero la casa di produzione del reality show di Canale 5. Tra gli effetti di Sanzio c’era anche il bancomat che in base alle verifiche è stato usato nel periodo di permanenza nella casa. I movimenti risultano tra il 15 aprile e il 22 maggio 2018. Chi ha speso i soldi di Ken? Sono stati fatti prelievi per 1.400 euro e lui se n’è accorto solo al momento di pagare, quando la transazione non è stata possibile.

IL KEN ITALIANO DERUBATO DURANTE IL GRANDE FRATELLO – AVEVA CONSEGNATO IL BANCOMAT ALLA PRODUZIONE

Angelo ha subito chiesto chiarimenti alla banca e la sorpresa è stata davvero brutta perché sul suo conto c’erano solo 3,90 euro. Anche l’estratto conto ha confermato il furto. Angelo Sanzio era chiuso nella casa del Grande Fratello, non poteva fare quei movimenti con il bancomat, quindi chi è il ladro? E’ un vero giallo ma i carabinieri sono al lavoro per scoprire chi ha derubato il giovane concorrente del GF. Stanno analizzando gli sportelli dove sono avvenuti i prelievi con la sua carta e presto ne sapremo di più o di certo ne sarà di più Angelo. Come è potuto accadere? Magari ci sarà un’altra spiegazione perché questa ci sembra così strana ma intanto la più reale.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.