Cancro: arrivano i nano proiettili per sconfiggerlo

Una ricerca italo - francese ha portato alla messa a punto dei nano proiettili "magic bullets", i quali avrebbero la capacita' di distruggere le cellule tumorali

Arrivano i “nano proiettili” per sconfiggere il cancro. Essi hanno dimensioni minime, ed hanno la capacita’ di distruggere le cellule tumorali in modo molto preciso, senza in alcun modo incidere sui tessuti sani. La ricerca e’ italo-francese, ad opera degli scienziati Luigi Cattel e Barbara Stella i quali hanno ottenuto il prestigioso riconoscimento costituito dallo European Inventor Award, in collaborazione con Patrick Couvrer e Véronique Rosilio. Cosi’ la collaborazione tra la facoltà di farmacia dell’Università di Torino e l’Università di Paris Sud ha dato i suoi frutti. Dunque, ancora una volta l’Italia mette la sua firma su una ricerca di tutto rispetto.

I nano proiettili “magic bullets” sono addirittura settanta volte più piccoli rispetto ai globuli rossi e sono rivestiti con materiale biodegradabile.

Sono stati i 5 milioni di euro del Cnrs (Cnr francese) a consentire lo sviluppo della ricerca in questione, brevettata dal suddetto team nel 2004. Ma ancora e’ presto per cantare vittoria: nonostante la sperimentazione preclinica sia gia’ a buon punto, ci vorranno almeno altri 10 anni per effettuarla sui pazienti malati di cancro. A quanto pare, i nano proiettili potrebbero essere particolarmente efficaci nella cura del tumore al pancreas. Inoltre, i nano proiettili “magic bullets” potrebbero assumere anche proprieta’ diagnostiche.

Si tratta di un altro risultato importante per la lotta contro il cancro, in cui l’Italia si fa notareancora una volta per la presenza di ricercatori di un certo livello. Nonostante i pochi fondi destinati alla ricerca nel nostro Paese, essa non si ferma, continuando a dare i suoi frutti. La speranza e’ che finalmente si arrivi a sconfiggere questo male che colpisce sempre piu’ persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.